09 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Steinmeier, con la guerra Putin ha infranto il sogno di Gorbaciov, di una “casa comune europea”

- Advertisement -

AgenPress – L’invasione russa dell’Ucraina ha causato una “rottura epocale” nei legami della Germania con Mosca e la guerra ha infranto il sogno dell’ex presidente sovietico Mikhail Gorbaciov di una “casa comune europea”, ha affermato il presidente Frank-Walter Steinmeier. Venerdì.

Steinmeier, che proviene da un’ala dei socialdemocratici tedeschi che ha a lungo sostenuto legami economici più stretti con Mosca, ha affermato che l’invasione russa dell’Ucraina ha portato un cambiamento nell’era.

“Quando guardiamo alla Russia di oggi, non c’è spazio per i vecchi sogni”, ha detto Steinmeier nel testo preparato di un discorso nazionale. “I nostri paesi sono oggi in piedi l’uno contro l’altro”. “La guerra di aggressione della Russia ha infranto il sogno di Gorbaciov di una ‘casa comune dell’Europa’”.

“Ci ha anche fatto precipitare in Germania in un altro tempo, in un’insicurezza che pensavamo di aver superato: un tempo segnato da guerra, violenza e fuga, dalle preoccupazioni per l’espansione della guerra in un incendio in Europa”, ha affermato.

Steinmeier ha fatto una visita a sorpresa a Kiev martedì, quando ha promesso ulteriore sostegno all’Ucraina, soprattutto nell’area della difesa aerea. La visita è stata la prima da quando la Russia ha invaso l’Ucraina.

Steinmeier aveva inizialmente programmato di visitare l’Ucraina ad aprile, ma Kiev si rifiutò di accoglierlo in mezzo all’inquietudine per il suo passato sostegno a un riavvicinamento occidentale con la Russia. Kiev e Berlino in seguito hanno rattoppato il loro disaccordo.

Steinmeier, il cui ruolo di capo di stato è in gran parte cerimoniale, ha affermato nel suo discorso che il presidente russo Vladimir Putin è stato personalmente responsabile dei disordini in Europa e ha denunciato la sua “ossessione imperiale”.

L’invasione russa dell’Ucraina segna “il fallimento finale e amaro di anni di sforzi politici, compresi i miei sforzi, per evitare proprio questo momento terribile”.

Lo ha detto in un discorso alla nazione il presidente tedesco Steinmeier. “Ognuno di voi ricorda quel 24 febbraio. Anch’io. Il grido delle sirene e il fumo scuro su Kiev, le immagini terribili di quella mattina mi sono entrati sotto la pelle”. In passato Steinmeier è stato molto aperto alle relazioni con Mosca ma dall’invasione dell’Ucraina ha più volte condannato la “brutale aggressione” russa, che oggi ha descritto come “svolta epocale” verso tempi più bui e difficili.

In riferimento a Vladimir Putin, il presidente tedesco ha affermato che “nella sua ossessione imperiale, il presidente russo ha infranto il diritto internazionale, ha messo in discussione confini, ha commesso furti di territori”.

“Putin guida un esercito di invasori e gli ucraini difendono il paese che hanno costruito fin dall’indipendenza, per trent’anni”, ha commentato Steinmeier, che poi ha aggiunto “chi scrolla le spalle e chiede: ‘Cosa c’entra questa guerra con noi qui in Germania?’ parla in modo irresponsabile e dimentica la storia. Noi tedeschi non possiamo vivere in Europa con questo atteggiamento: è sbagliato!”.

Steinmeier ha però anche sottolineato che “viviamo in un conflitto e questa guerra ci riguarda. Ma è altrettanto importante per me: il nostro paese non è in guerra. E non vogliamo che questo cambi. È necessario impedire un’espansione della guerra o, persino, un’escalation nucleare.”

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere