02 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Spectator, Berlusconi crede di essere l’unico leader al mondo a convincere Putin a mediare

- Advertisement -

AgenPress – Silvio Berlusconi crede che solo lui possa spingere al tavolo delle trattative il suo vecchio amico Vladimir Putin e intende provarci prima di Natale. L’86enne magnate dei media ed ex primo ministro italiano vuole che un accordo di pace, mediato da lui, sia il suo canto del cigno politico. Il suo jet privato è già in standby.

E’ quanto si legge nel giornale on line The Spectator.

A livello internazionale, il tempismo non potrebbe essere migliore. La Russia ha subito un’altra umiliazione militare abbandonando la città chiave di Kherson e l’amministrazione Biden avrebbe detto a Volodymyr Zelensky di pensare seriamente alla pace. Vittorio Sgarbi, confidente di Berlusconi e ora sottosegretario alla cultura nel nuovo governo di Giorgia Meloni, mi ha detto che Berlusconi si considera l’unico mediatore possibile.

“Berlusconi ama il beau geste “, ha detto. «E questo è il gesto che ha in mente. Crede di potercela fare e, se lo farà, senza minare la posizione della Nato, entrerà nei libri di storia come un eroe globale’.

Il mese scorso, Forza Italia di Berlusconi faceva parte della coalizione di destra che ha formato il nuovo governo italiano guidato da Meloni, che sostiene fermamente la causa ucraina. Sta per autorizzare il sesto pacchetto di sostegno del paese e la scorsa settimana ha dichiarato a un vertice Nato di difendere pienamente il diritto del paese a “integrità territoriale, sovranità e libertà”.

Solo il 43% degli italiani, si legge ancora nel giornale, sostiene l’Ucraina (uno dei livelli più bassi in Europa) e ancora meno vogliono armarla. Solo il 42% è d’accordo con le sanzioni dell’UE alla Russia e solo un quarto pensa che la Nato dovrebbe continuare a inviare armi.

La maggior parte degli italiani vuole che Zelenskyjaccetti un compromesso con Putin. All’inizio di questo mese c’è stata una manifestazione in tal senso a Roma – 100.000 manifestanti secondo gli organizzatori; 40.000 secondo la polizia, più grandi di qualsiasi manifestazione anti-Covid. È stata la prima grande protesta europea contro la guerra in Ucraina. Una missione di pace di Berlusconi potrebbe, quindi, essere popolare. Ma potrebbe succedere?

Potrebbe sembrare assurdo che una figura così surrealmente divisiva possa avvicinarsi a una simile missione di pace. A livello globale, è meglio conosciuto per le sue feste ‘bunga bunga’ – a cui partecipavano bande di bellissime giovani donne – durante la sua ultima premiership, finita in disgrazia nel 2011. La sua faccia in questi giorni sembra quella di un manichino di cera e ha difficoltà a camminare . Ma non ha perso nulla della sua capacità di provocare polemiche ed è follemente imprevedibile come sempre.

Berlusconi ha già svolto il ruolo di mediatore nei colloqui tra l’Occidente e la Russia, in particolare al vertice di Roma del 2002, che ha istituito un consiglio Nato-Russia permanente.

Ciò che Putin ama di Berlusconi, si dice, è la sua insistenza nel stringere amicizia con qualcuno prima di mettersi al lavoro. I due si sono incontrati per la prima volta al G8 di Genova nel 2001 e sono andati d’accordo come una casa in fiamme. Putin ha poi soggiornato diverse volte nella residenza estiva di Berlusconi in Sardegna e nel 2015 Berlusconi è stato ospite di Putin in Crimea, appena un anno dopo la sua annessione alla Russia. In quell’occasione i proprietari di un vigneto organizzarono una degustazione in suo onore durante la quale aprirono una bottiglia di sherry di 240 anni (1775 Jerez de la Frontera, valore 100.000 sterline), tra la furia degli ucraini.

Da febbraio Berlusconi a volte è sembrato personalmente offeso dall’invasione dell’Ucraina, lamentandosi di sentirsi “profondamente deluso e offeso” da Putin. Ha detto che ha provato a telefonargli due volte, ma non è riuscito a mettersi in contatto. Successivamente, il suo partito ha votato a favore dell’invio di armi all’Ucraina e dell’imposizione di sanzioni alla Russia.

Il partito della Meloni ha cercato di minimizzare la passata vicinanza di Berlusconi al presidente russo. Ha ‘avuto rapporti con Putin per cercare di avvicinarlo alle democrazie occidentali’, ha detto un deputato di Fratelli d’Italia. ‘Ma quella fase storica finì quando Putin decise di invadere l’Ucraina. Ora il divario è incolmabile’.

Sembra che Berlusconi non sia d’accordo. Il mese scorso, in un colloquio privato con i parlamentari di Forza Italia, ha detto che lui e Putin avevano riacceso la loro amicizia quando Putin gli ha inviato 20 bottiglie di vodka per il suo 86esimo compleanno – quattro giorni dopo le elezioni politiche – con “una dolcissima lettera”. Ha affermato che Putin ha detto nella lettera di avere solo cinque veri amici e Berlusconi è stato il primo di loro. Ha detto ai suoi parlamentari che Putin era obbligato a organizzare una “operazione militare speciale” per insediare un governo “scelto dalla minoranza ucraina di persone buone e di buon senso”.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere