05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Soldato russo denuncia il marciume dell’invasione. Putin ci ha trasformato in selvaggi assoluti

AgenPressPavel Filatyev sapeva quali sarebbero state le conseguenze di ciò che stava dicendo. L’ex paracadutista ha capito che stava rischiando la prigione, che sarebbe stato definito un traditore e sarebbe stato evitato dai suoi ex commilitoni. Sua madre lo aveva esortato a fuggire dalla Russia finché poteva. Lo ha detto lo stesso. 

“Non vedo giustizia in questa guerra. Non vedo la verità qui”, ha detto sopra un tavolino nascosto da un caffè nel distretto finanziario di Mosca. Era la prima volta che sedeva di persona con un giornalista da quando era tornato dalla guerra in Ucraina .

“Non ho paura di combattere in guerra. Ma ho bisogno di sentire giustizia, di capire che quello che sto facendo è giusto. E credo che tutto questo stia fallendo non solo perché il governo ha rubato tutto, ma perché noi russi non sentiamo che quello che stiamo facendo è giusto”.

Due settimane fa, Filatyev è andato sulla sua pagina sui social media VKontakte e ha pubblicato una bomba di 141 pagine: una descrizione giorno per giorno di come la sua unità di paracadutisti è stata inviata nell’Ucraina continentale dalla Crimea, è entrata a Kherson e ha catturato il porto marittimo e ha scavato sotto il fuoco dell’artiglieria pesante per più di un mese vicino a Mykolaiv – e poi come alla fine è stato ferito ed evacuato dal conflitto con un’infezione agli occhi.

A quel punto, era convinto di dover esporre il marciume al centro dell’invasione russa dell’Ucraina. “Eravamo seduti sotto il fuoco dell’artiglieria di Mykolaiv. A quel punto pensavo già che siamo qui fuori a fare cazzate, a che cazzo serve questa guerra? E ho davvero avuto questo pensiero: ‘Dio, se sopravvivo, farò tutto il possibile per fermarlo’”.

Ha trascorso 45 giorni a scrivere le sue memorie sul conflitto, rompendo un’omertà in base alla quale anche la parola guerra è stata bandita in pubblico. “Semplicemente non riesco più a stare in silenzio, anche se so che probabilmente non cambierò nulla, e forse ho agito in modo stupido per mettermi in così tanti guai”, dice Filatyev, le dita tremanti per lo stress mentre acceso un’altra sigaretta.

Il suo libro di memorie, ZOV, prende il nome dai segni tattici dipinti sui veicoli dell’esercito russo che sono stati adottati come simbolo pro-guerra in Russia. Finora, non c’è stato un resoconto volontario più dettagliato di un soldato russo che ha partecipato all’invasione dell’Ucraina. Estratti sono stati pubblicati sulla stampa indipendente russa, mentre Filatyev è apparso in video per un’intervista televisiva su TV Rain.

“E’ molto importante che qualcuno diventi il ​​primo a parlare apertamente”, ha detto Vladimir Osechkin, il capo della rete per i diritti umani Gulagu.net, che ha aiutato Filatyev a lasciare la Russia all’inizio di questa settimana. Ciò ha anche reso Filatyev il primo soldato noto per essere fuggito dalla Russia a causa dell’opposizione alla guerra. “E sta aprendo un vaso di Pandora.”

Questa settimana il sito investigativo russo iStories, di cui la Russia è stata bandita dal Paese, ha pubblicato una confessione di un altro soldato russo che ammette davanti alla telecamera di aver sparato e ucciso un civile residente nella città ucraina di Andriivka.

“Come selvaggi, mangiavamo tutto lì: avena, porridge, marmellata, miele, caffè… Non ce ne fregava niente, eravamo già stati spinti al limite. La maggior parte aveva trascorso un mese nei campi senza alcun accenno di conforto, una doccia o cibo normale.

“In quale stato selvaggio puoi portare le persone senza pensare al fatto che hanno bisogno di dormire, mangiare e lavarsi”, ha scritto. “Tutto intorno ci dava una sensazione vile,  come disgraziati stavamo solo cercando di sopravvivere.

Filatyev ha tirato una lunga boccata da una sigaretta mentre raccontava la storia, cercando nervosamente qualcuno che lo guardasse verso mezzanotte in un parco di Mosca, poi cerca di spiegare.

“So che sembrerà selvaggio a un lettore straniero”, ha detto, descrivendo un commilitone che ruba un computer. “Ma [il soldato] sa che questo vale più di uno dei suoi stipendi. E chissà se sarà vivo domani comunque. Quindi lo prende. Non sto cercando di giustificare quello che ha fatto. Ma penso che sia importante dire perché le persone si comportano in questo modo, per capire come fermarle… Cosa farà una persona in questo tipo di situazioni estreme”.

Hai mai visto i dipinti del Sacco di Roma dei barbari? Questo è il modo migliore per descrivere cosa stava succedendo intorno a me. Tutti sembravano sfiniti e selvaggi, e tutti iniziammo a perlustrare gli edifici in cerca di cibo, acqua, una doccia e un posto per la notte; alcuni hanno iniziato ad afferrare computer e qualsiasi cosa di valore potessero trovare. Non ho fatto eccezione: ho trovato un cappello in un camion distrutto in loco e l’ho preso. Il mio passamontagna era troppo freddo. Sono diventato disgustato da tutto il saccheggio, nonostante il mio stato selvaggio.

Ha inveito a lungo contro quella che ha definito la “degradazione” dell’esercito, compreso l’uso di attrezzature e veicoli datati che hanno lasciato i soldati russi esposti ai contrattacchi ucraini. Il fucile che gli era stato dato prima della guerra era arrugginito e aveva una cinghia rotta. 

“Eravamo solo un obiettivo ideale”, ha scritto, descrivendo il viaggio verso Kherson su camion UAZ obsoleti e non armati che a volte rimanevano sul posto per 20 minuti. “Non era chiaro quale fosse il piano, come sempre nessuno sapeva nulla”.

“La maggior parte delle persone nell’esercito sono scontente di quello che sta succedendo lì, sono scontente del governo e dei loro comandanti, sono scontente di Putin e della sua politica, sono scontente del ministro della Difesa, che non ha mai prestato servizio in l’esercito”.

Filatyev è riuscito a fuggire dalla Russia “prima del suo arresto”. Non è ancora chiaro se sia stato formalmente accusato di qualche crimine in Russia.

“Perché dovrei fuggire dal mio paese solo per aver detto la verità su ciò in cui questi bastardi hanno trasformato il nostro esercito”, ha scritto Filatyev in un messaggio di Telegram. “Sono sopraffatto dalle emozioni che ho dovuto lasciare il mio Paese”.

Rimane uno dei pochi soldati russi ad aver parlato pubblicamente della guerra, anche se dopo mesi di agonia su come farlo senza violare il suo servizio. “La gente mi chiede perché non ho buttato giù la mia arma”. Beh, io sono contrario a questa guerra, ma non sono un generale, non sono il ministro della Difesa, non sono Putin, non so come fermarlo. Non avrei cambiato nulla per diventare un codardo, e buttare giù la mia arma e abbandonare i miei compagni”.

Ho combattuto in Ucraina, e se non ho il diritto di dire “No alla guerra” perché qualcun altro ha il diritto di iniziare la guerra? Non posso riportare a casa il nostro esercito, ma posso condividere la mia esperienza ei miei pensieri sulla partecipazione a questa guerra e incoraggiare i concittadini a prendersi cura del loro paese, che ha tanti problemi da affrontare.

Questo è un circolo vizioso di qualche tipo, siamo tutti responsabili, ma dobbiamo trarre le giuste conclusioni e correggere i nostri errori. Dov’è l’ampiezza dell’anima russa? Dove sono scomparse la nostra nobiltà e spiritualità? … I nostri antenati hanno versato così tanto del loro stesso sangue per amore della libertà. Potrebbe non cambiare nulla, ma mi rifiuto di prendere parte a questa follia. Eticamente, sarebbe più facile se l’Ucraina ci attaccasse, ma la verità è che abbiamo invaso l’Ucraina e gli ucraini non ci hanno invitato.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere