05 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Ucraina. Shell non acquisterà più petrolio e gas russo. Immediata chiusura stazioni servizio in Russia

- Advertisement -

AgenPress – “Siamo profondamente consapevoli che la nostra decisione della scorsa settimana di acquistare un carico di greggio russo da raffinare in prodotti come benzina e diesel – nonostante sia stata presa con la sicurezza degli approvvigionamenti in prima linea nel nostro pensiero – non era quella giusta e lo siamo scusate. Come abbiamo già detto, impegneremo i profitti dalle limitate quantità rimanenti di petrolio russo che elaboreremo a un fondo dedicato. Lavoreremo con i partner umanitari e le agenzie umanitarie nei prossimi giorni e settimane per determinare dove i fondi di questo fondo siano nella posizione migliore per alleviare le terribili conseguenze che questa guerra sta avendo sul popolo ucraino”, ha affermato Ben, amministratore delegato di Shell van Beurden.

“Le nostre azioni fino ad oggi sono state guidate da continue discussioni con i governi sulla necessità di districare la società dai flussi energetici russi, pur mantenendo le forniture energetiche. Le odierne minacce di fermare i flussi dei gasdotti verso l’Europa illustrano ulteriormente le scelte difficili e le potenziali conseguenze che dobbiamo affrontare mentre cerchiamo di farlo. Dopo le dichiarazioni del governo di questa settimana, voglio esporre chiaramente la nostra posizione. A meno che non siano diretti dai governi, noi:

  • Interrompere immediatamente l’acquisto di greggio russo sul mercato spot e non rinnoveremo i contratti a termine.
  • Allo stesso tempo, in stretta consultazione con i governi, stiamo modificando la nostra catena di approvvigionamento del greggio per eliminare i volumi russi. Lo faremo il più velocemente possibile, ma la posizione fisica e la disponibilità di alternative significano che potrebbero essere necessarie settimane per essere completato e comporterà una riduzione della produttività in alcune delle nostre raffinerie.
  • Chiuderemo le nostre stazioni di servizio, carburanti aeronautici e lubrificanti in Russia. Considereremo molto attentamente il modo più sicuro per farlo, ma il processo inizierà immediatamente.
  • Inizieremo il nostro ritiro graduale dai prodotti petroliferi russi, dal gasdotto e dal GNL. Questa è una sfida complessa. La modifica di questa parte del sistema energetico richiederà un’azione concertata da parte dei governi, dei fornitori di energia e dei clienti e la transizione verso altre forniture energetiche richiederà molto più tempo.

“Queste sfide sociali evidenziano il dilemma tra esercitare pressioni sul governo russo per le sue atrocità in Ucraina e garantire forniture energetiche stabili e sicure in tutta Europa”, ha affermato van Beurden. “Ma alla fine spetta ai governi decidere sui compromessi incredibilmente difficili che devono essere fatti durante la guerra in Ucraina. Continueremo a collaborare con loro per aiutare a gestire i potenziali impatti sulla sicurezza degli approvvigionamenti energetici, in particolare in Europa.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere