30 Set, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Il racconto dei cittadini dello Sri Lanka liberati dalle torture russe ad Izum

AgenPress – La riconquista della città di Izyum da parte dell’Ucraina ha portato a molteplici accuse di atrocità sotto l’occupazione russa. Tra i resoconti che emergono c’è quello di un gruppo di srilankesi tenuti prigionieri per mesi. Qui raccontano la loro storia.

“Pensavamo che non ne saremmo mai usciti vivi”, dice Dilujan Paththinajakan, uno dei sette cingalesi catturati dalle forze russe a maggio.

Il gruppo era appena partito per un’enorme passeggiata verso la salvezza dalle loro case a Kupiansk, nel nord-est dell’Ucraina, alla relativa sicurezza di Kharkiv, a circa 120 km (75 miglia) di distanza.

Ma al primo posto di blocco che hanno incontrato, sono stati catturati dai soldati russi. Gli srilankesi sono stati bendati, con le mani legate e portati in una fabbrica di macchine utensili nella città di Vovchansk, vicino al confine con la Russia.

Fu l’inizio di un incubo di quattro mesi che li avrebbe visti tenuti prigionieri, usati come lavori forzati e persino torturati.

Il gruppo era venuto in Ucraina per trovare lavoro o studio. Ora, erano prigionieri, sopravvivevano con pochissimo cibo, potevano usare il bagno solo una volta al giorno per due minuti. Nelle occasioni in cui potevano fare la doccia, anche questo era limitato a soli due minuti.

Gli uomini – principalmente sulla ventina – erano tutti tenuti in una stanza. L’unica donna del gruppo, Mary Edit Uthajkumar, 50 anni, è stata tenuta separata.

“Ci rinchiudevano in una stanza”, ha detto, “Ci picchiavano quando andavamo a fare la doccia. Non mi permettevano nemmeno di incontrare gli altri. Siamo rimasti bloccati dentro per tre mesi”.

Mary, il viso già segnato da un’autobomba in Sri Lanka, ha problemi cardiaci, ma non ha ricevuto alcuna medicina per questo.

“Essere sola, ero così tesa. Hanno detto che avevo problemi di salute mentale e mi hanno dato delle compresse. Ma non le ho prese”.

Ad altri sono stati lasciati ricordi ancora più visibili di ciò che avevano sopportato: uno degli uomini si è tolto le scarpe per mostrare che le unghie dei piedi erano state strappate con le pinze. Secondo quanto riferito, anche un secondo uomo ha subito quella tortura.

Il gruppo ha anche parlato di essere stato picchiato senza una ragione apparente, di soldati russi che si sarebbero ubriacati e poi li avrebbero attaccati.

“Mi hanno colpito al corpo molte volte con le loro pistole”, ha detto Thinesh Gogenthiran, 35 anni. “Uno di loro mi ha dato un pugno allo stomaco e ho sofferto per due giorni. Poi mi ha chiesto dei soldi”.

“Eravamo molto arrabbiati e così tristi – piangevamo ogni giorno”, ha spiegato Dilukshan Robertclive, 25 anni.

“L’unica cosa che ci ha fatto andare avanti è stata la preghiera e i ricordi di famiglia”.

La Russia ha negato di prendere di mira i civili o di aver commesso crimini di guerra, ma le accuse dello Sri Lanka si affiancano a molte altre notizie di atrocità commesse dalle forze di occupazione russe.

L’Ucraina ha riesumato i corpi da un luogo di sepoltura nella foresta vicino a Izyum, alcuni dei quali mostrano segni di tortura. E il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che “più di 10 camere di tortura sono già state trovate nelle aree liberate della regione di Kharkiv, in varie città e paesi”.
La libertà per i sette srilankesi è finalmente arrivata quando l’esercito ucraino ha iniziato a riconquistare aree nell’Ucraina orientale all’inizio di questo mese, inclusa Vovchansk.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere