07 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Generale Stati Uniti stima 200.000 vittime militari russe ed ucraine. 40mila civili uccisi dai russi

- Advertisement -

AgenPress – Il generale Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff degli Stati Uniti stima che circa 100.000 soldati russi e 100.000 ucraini siano stati uccisi o feriti nella guerra in Ucraina e circa 40.000 civili erano morti dopo essere stati coinvolti nel conflitto.

Ha anche affermato che i segni che Kiev era disposta a riprendere i colloqui con Mosca offrivano “una finestra” per i negoziati.

Nei giorni scorsi, l’Ucraina ha manifestato la volontà di avviare alcune discussioni con Mosca, dopo che il presidente Volodymyr Zelensky ha ritirato la richiesta che il suo omologo, Vladimir Putin, venga rimosso dal potere prima che i negoziati possano riprendere.

Ma parlando a New York, il gen Milley ha aggiunto che affinché qualsiasi colloquio abbia successo, sia la Russia che l’Ucraina dovrebbero raggiungere un “reciproco riconoscimento” che una vittoria in tempo di guerra “forse non è realizzabile con mezzi militari, e quindi è necessario rivolgersi a Altri significati”.

L’alto generale – che funge da consigliere militare più anziano del presidente Joe Biden – ha affermato che l’entità delle vittime potrebbe convincere sia Mosca che Kiev della necessità di negoziare nei prossimi mesi invernali, quando i combattimenti potrebbero rallentare a causa delle condizioni di gelo.

“Stai guardando oltre 100.000 soldati russi uccisi e feriti”, ha detto il generale Milley. “Stessa cosa probabilmente dalla parte ucraina”.

Sia l’Ucraina che la Russia custodiscono segretamente il numero delle vittime.

L’ultimo aggiornamento di Mosca a settembre affermava che solo 5.937 soldati erano stati uccisi dall’inizio del conflitto, con il ministro della Difesa Sergei Shoigu che ha respinto le notizie di un numero di vittime significativamente più alto.

La stima della Gen Milley è nettamente superiore. In confronto, si stima che 15.000 soldati sovietici siano morti nel conflitto in Afghanistan del 1979-89.

L’Ucraina si è in gran parte astenuta dal fornire dati sulle vittime. Ma ad agosto, il comandante in capo delle forze armate, Valeriy Zaluzhniy, è stato citato dai media ucraini dicendo che fino a quel momento erano morti 9.000 soldati ucraini.

L’Onu ha affermato di non ritenere affidabili i dati rilasciati da coloro che sono coinvolti nel conflitto.

“C’è stata un’enorme quantità di sofferenza, sofferenza umana”, ha detto il generale Milley. Ha anche osservato che sono stati creati tra i 15 ei 30 milioni di rifugiati da quando la Russia ha lanciato la sua invasione il 24 febbraio.

Le Nazioni Unite hanno registrato 7,8 milioni di persone come rifugiati dall’Ucraina in tutta Europa, inclusa la Russia. Tuttavia, la cifra non include coloro che sono stati costretti a fuggire dalle loro case ma rimangono in Ucraina.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere