06 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Erdogan, pronti ad ospitare colloqui per porre fine alla guerra. Accordo per ricostruzione dopo guerra

AgenPress – Recep Tayyip Erdoğan ha dichiarato che, al vertice trilaterale con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy e il segretario generale delle Nazioni Unite (ONU) Antonio Guterres, hanno valutato le possibilità di trasformare l’atmosfera positiva creata dall’accordo di Istanbul in una pace permanente e ha affermato: “La comunità internazionale ha maggiori responsabilità nel rilanciare il processo diplomatico, abbiamo espressamente sottolineato che dovrebbe essere intrapreso”.

“Abbiamo discusso le possibilità di migliorare la nostra cooperazione e solidarietà nelle condizioni attuali. Naturalmente, la guerra che è stata andare avanti per circa 6 mesi è stato l’argomento principale dei nostri colloqui. In questa occasione, ho sottolineato ancora una volta il nostro sostegno alla sua integrità e sovranità”,  ha aggiunto.

“Ieri sera ho espresso le mie condoglianze a nome del nostro paese e della nostra nazione per l’attacco missilistico a un paese a Kharkiv che ha ucciso 9 civili e ferito 35. Abbiamo espresso la nostra preoccupazione per i conflitti in corso intorno alla centrale nucleare di Zaporizhia. Non lo facciamo vogliamo vivere una nuova Chernobyl. Come Turchia, da un lato, mentre ci sforziamo per porre fine ai conflitti con una soluzione diplomatica, dall’altro, siamo stati al fianco dei nostri amici ucraini e continuiamo a farlo.

Dall’inizio della guerra, abbiamo inviato 98 camion di aiuti umanitari per soddisfare le urgenti esigenze umanitarie del popolo ucraino e abbiamo ospitato temporaneamente quasi 325.000 ucraini nel nostro paese.

 Nel nostro incontro abbiamo anche discusso le dimensioni della distruzione fisica causata dalla guerra in Ucraina. Ho condiviso con Zelenskiy che daremo il sostegno necessario per la ricostruzione dell’Ucraina, come abbiamo fatto finora”.

“Come sapete, noi, come Nazioni Unite, Ucraina, Russia e Turchia, solo un mese fa ha esposto un esempio storico di lavoro congiunto Ucraina.  Non solo l’Ucraina, ma il mondo intero ha cominciato a sentire i riflessi positivi dell’Accordo di Istanbul, che ha reso possibile l’esportazione sicura di grano sui mercati mondiali attraverso il Mar Nero. 

Ricordando che un totale di 25 navi e circa 625mila tonnellate di grano ucraino sono state consegnate al mercato mondiale dal 1° agosto, data di entrata in vigore dell’accordo, Erdoğan ha dichiarato:

“Nei contatti di oggi, ci siamo concentrati sui passi che possono essere compiuti per aumentare le attività del meccanismo esistente. Nel nostro incontro  abbiamo anche valutato le possibilità di trasformare l’atmosfera positiva creata dal Consenso di Istanbul in una pace permanente. Abbiamo particolarmente indicato fuori che la comunità internazionale dovrebbe assumersi maggiori responsabilità per rilanciare il processo diplomatico.

Personalmente, mantengo la mia convinzione che la guerra alla fine finirà al tavolo dei negoziati. In effetti Zelenskiy e Guteress sono d’accordo su questo punto. Il punto è identificare il percorso più breve ed equo per arrivare al tavolo delle trattative. Credo che sia possibile rilanciare i negoziati sulla base dei parametri definiti a Istanbul a marzo. 

“Siamo pronti a mettere in campo il nostro ruolo di facilitatori e mediatori con l’obiettivo di riprendere il negoziato” per arrivare al cessate il fuoco tra Ucraina e Russia che era stato avviato a Istanbul.

Naturalmente, nel nostro incontro, abbiamo discusso dello scambio di prigionieri di guerra e delle nostre iniziative in questo senso, e vorrei esprimere che attribuiamo grande importanza a questo problema. Credo che coloro che stanno seguendo questo posto in questo momento, ‘mi chiedo cosa sia successo allo scambio di questi prigionieri?’ 

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere