05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Continuano i combattimenti vicino alla centrale di Zaporizhzhia. Ispettori Aiea in visita

AgenPress – Sono continuati i pesanti combattimenti vicino alla più grande centrale nucleare d’Europa in un’area dell’Ucraina orientale controllata dalla Russia, il giorno dopo che gli esperti dell’agenzia di controllo nucleare delle Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione per i danni strutturali al sito tentacolare di Zaporizhzhia.

Il ministero della Difesa britannico afferma che i bombardamenti sono continuati nel distretto in cui si trova la centrale elettrica di Zaporizhzhia. L’ufficio del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha affermato che i bombardamenti russi hanno danneggiato case, gasdotti e altre infrastrutture nella regione di Nikopol sull’altra sponda del fiume Dnepr, durante i combattimenti in diverse aree dell’Ucraina orientale e meridionale.

La squadra di ispettori dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha attraversato la prima linea per raggiungere lo stabilimento di Zaporizhzhia giovedì in una missione per aiutare a salvaguardare l’impianto dalla catastrofe. I combattimenti di giovedì hanno provocato la chiusura di un reattore, sottolineando l’urgenza del loro compito.

Russia e Ucraina si sono scambiate accuse secondo cui l’altra parte stava cercando di ostacolare il lavoro degli esperti dell’AIEA o di controllare il messaggio.

Zelensky ha avuto parole dure per la delegazione dell’AIEA. Pur applaudendo al suo arrivo allo stabilimento, ha affermato che ai giornalisti indipendenti è stato impedito di seguire la visita, consentendo ai russi di presentare un “tour futile” unilaterale.

La delegazione di 14 membri è arrivata in un convoglio di SUV e furgoni dopo mesi di trattative per consentire agli esperti di passare in prima linea. Parlando con i giornalisti dopo aver lasciato i colleghi all’interno, il direttore dell’AIEA Rafael Grossi, ha affermato che l’agenzia “non si sarebbe mossa” dall’impianto d’ora in poi e ha promesso giovedì una “presenza continua” di esperti dell’agenzia.

Grossi ha detto che era “ovvio che la pianta e l’integrità fisica della pianta sono state violate più volte”, ma non poteva valutare se per caso o di proposito. “Continuerò a essere preoccupato per l’impianto finché non avremo una situazione più stabile”, ha detto.

Grossi ha affermato che gli esperti dell’AIEA hanno visitato l’intero sito, comprese le sale di controllo, i sistemi di emergenza e i generatori diesel, e si sono incontrati con il personale dell’impianto.

L’impianto è stato occupato dalle forze russe ma gestito da ingegneri ucraini sin dai primi giorni della guerra di 6 mesi.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere