09 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Ucraina. Con blocco export grano Putin condanna alla fame milioni di persone. Serve risposta internazionale

- Advertisement -

AgenPress – “Oggi la Russia ha rilasciato una dichiarazione piuttosto prevedibile: una dichiarazione secondo cui stanno finalmente annullando l’iniziativa per l’esportazione di grano.

Ma in realtà, questa non è la loro decisione oggi. La Russia ha iniziato deliberatamente ad esacerbare la crisi alimentare a settembre, quando ha bloccato il movimento delle navi con il nostro cibo”.

Così il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel consueto video serale attacca la Russia dopo lo stop all’intesa sull’export del grano.

“L’Ucraina è stata e può continuare ad essere uno dei garanti della sicurezza alimentare globale. Il terrore e il ricatto russi devono perdere. L’umanità deve vincere”, aggiunge Zelensky.

“Da settembre ad oggi, 176 navi si sono già accumulate nel corridoio del grano, che non possono seguire la loro rotta. Alcuni trasportatori di grano stanno aspettando da più di tre settimane. Questo è un blocco assolutamente deliberato della Russia. Questa è un’intenzione assolutamente trasparente della Russia di restituire la minaccia di una carestia su larga scala all’Africa e all’Asia.

Letteralmente oggi, nel mare ci sono più di 2 milioni di tonnellate di cibo. Ciò significa che l’accesso al cibo è effettivamente peggiorato per oltre 7 milioni di consumatori.

Algeria, Egitto, Yemen, Bangladesh, Vietnam, altri sono paesi molto diversi, provenienti da diverse parti del mondo… Ma possono essere tutti destabilizzati da questa decisione russa di bloccare le esportazioni.

Sottolineo: questa decisione è stata adottata dalla Russia apparentemente a settembre. Solo questa coda di navi con cibo in mare può testimoniarlo.

È anche importante che almeno due volte durante l’iniziativa sul grano la Russia abbia attaccato le nostre forze navali. Proprio da quelle forze che garantiscono la sicurezza del corridoio del grano.

Ora è necessaria una forte risposta internazionale. Sia a livello delle Nazioni Unite che ad altri livelli. In particolare, a livello dei “Big 20”. 

Come può la Russia essere tra le altre nel G20 se sta deliberatamente lavorando per la fame in diversi continenti? Questo non ha senso. La Russia non ha posto nei “venti”.

Tutti i partner vedono questa coda artificiale di navi. Vedono cosa ha fatto la Russia per interrompere l’iniziativa sul grano. Vedono che anche le navi con grano, che sono sotto contratto nell’ambito del Programma alimentare delle Nazioni Unite per i paesi più poveri, non hanno l’opportunità garantita di passare attraverso la rotta marittima.

Una manciata di individui da qualche parte al Cremlino può decidere se ci sarà cibo sulle tavole delle persone in Egitto o in Bangladesh? È ora necessaria una forte risposta internazionale sia a livello delle Nazioni Unite che ad altri livelli, compreso quello del G20″.

La Russia sta facendo di tutto per garantire che milioni di africani, milioni di residenti in Medio Oriente e Asia meridionale si trovino in condizioni di fame artificiale o almeno in una grave crisi dei prezzi.

Ma perché una manciata di persone da qualche parte al Cremlino può decidere se le persone in Egitto o in Bangladesh avranno cibo sulle loro tavole? Cos’è? Il mondo ha il potere di proteggere le persone da questo.

L’Ucraina è stata e può continuare ad essere uno dei garanti della sicurezza alimentare globale. Il terrore e il ricatto russi devono perdere. L’umanità deve vincere.

Ringrazio tutti coloro che stanno lottando con noi per riportare la pace e la stabilità nelle relazioni internazionali! Ringrazio tutti coloro che lottano e lavorano per l’Ucraina!”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere