28 Set, 2022

Ultimi Articoli

Turchia. Fa una battuta sulle scuole religiose. Arrestata la pop star Gulsen per “incitamento all’odio”

AgenPress – La pop star turca Gulsen è stata arrestata con l’accusa di “incitamento all’odio e all’inimicizia” con una battuta che ha fatto sulle scuole religiose turche, ha riferito l’agenzia di stampa statale del Paese.

La cantante e compositrice di 46 anni, il cui nome completo è Gulsen Colakoglu, è stata portata via dalla sua casa a Istanbul per essere interrogata e formalmente arrestata. È stata quindi portata in prigione in attesa del processo.

L’arresto ha suscitato indignazione sui social. I critici del governo hanno affermato che la mossa è stata uno sforzo del presidente turco Recep Tayyip Erdogan per consolidare il sostegno dei suoi religiosi e conservatori in vista delle elezioni tra 10 mesi.

Le accuse erano basate su una battuta fatta da Gulsen durante un concerto di aprile a Istanbul, dove ha scherzato dicendo che una delle “perversioni” dei suoi musicisti derivava dalla frequenza di una scuola religiosa. Un video del commento della cantante ha iniziato a circolare sui social di recente, con un hashtag che chiedeva il suo arresto.

Gulsen – che in precedenza era diventata un bersaglio nei circoli islamici a causa dei suoi abiti da palcoscenico rivelatori e per aver spiegato una bandiera LGBTQ a un concerto – si è scusata per l’offesa causata dallo scherzo, ma ha detto che i suoi commenti sono stati colti da coloro che volevano approfondire la polarizzazione nel paese.

Durante il suo interrogatorio da parte delle autorità del tribunale, Gulsen ha respinto le accuse di incitamento all’odio e all’inimicizia e ha affermato di avere “un rispetto infinito per i valori e le sensibilità del mio paese”, ha riferito l’agenzia statale Anadolu.

La sua richiesta di essere scarcerata in attesa dell’esito del processo è stata respinta.

Kemal Kilicdaroglu, leader del principale partito di opposizione turco, ha invitato i giudici e i pubblici ministeri turchi a rilasciare Gulsen.

“Non tradire la legge e la giustizia; libera l’artista ora!” ha scritto su Twitter.

Il portavoce del partito Giustizia e Sviluppo di Erdogan, noto con l’acronimo turco AKP, è apparso tuttavia per difendere la decisione di arrestare il cantante, dicendo che “incitare all’odio non è una forma d’arte”.

“Prendere di mira un segmento della società con l’accusa di “perversione” e cercare di polarizzare la Turchia è un crimine d’odio e una vergogna per l’umanità”, ha twittato il portavoce dell’AKP Omer Celik.

Erdogan e molti membri del suo partito al governo basato sull’Islam sono diplomati in scuole religiose, originariamente istituite per addestrare gli imam. Il numero delle scuole religiose in Turchia è aumentato sotto Erdogan, che ha promesso di allevare una “pia generazione”.

Tra coloro che chiedevano l’uscita di Gulsen c’era la pop star turca, Tarkan, meglio conosciuta a livello internazionale per la canzone “Kiss Kiss”.

“Il nostro sistema legale, che chiude un occhio sulla corruzione, sui ladri, su coloro che infrangono la legge e massacrano la natura, coloro che uccidono gli animali e coloro che usano la religione per polarizzare la società attraverso le loro idee bigotti – ha arrestato Gulsen in un colpo solo”, Tarkan ha detto in una dichiarazione pubblicata su Twitter.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere