29 Set, 2022

Ultimi Articoli

Tigray. Onu, un bambino su tre sotto i cinque anni è malnutrito. Entro il 27 agosto arrivo navi grano

AgenPress – Un bambino su tre sotto i cinque anni nella regione etiope del Tigray è malnutrito e le Nazioni Unite hanno affermato che è necessaria un’azione urgente per evitare una strage. 

Secondo una nuova valutazione di emergenza effettuata dal Programma alimentare mondiale (WFP), il 29% dei bambini molto piccoli soffre di malnutrizione acuta globale (GAM). Anche più della metà delle donne in gravidanza o che allattano sono malnutrite. 

I funzionari sanitari considerano i tassi di malnutrizione del 15% o più indicativi di una situazione di emergenza in cui i bisogni umanitari sono critici. In una zona del Tigray, il 65% dei bambini sotto i cinque anni era malnutrito. In un altro, la percentuale era del 55%, con il 16% che soffriva della malnutrizione acuta grave più grave.

Si stima che un bambino malnutrito abbia 12 volte più probabilità di morire rispetto ai suoi omologhi ben nutriti. L’alto livello di malnutrizione nel Tigray “richiede un’azione urgente per rafforzare gli interventi di trattamento del deperimento [nella regione] per prevenire l’eccesso di mortalità dovuto alla malnutrizione”, afferma la valutazione, pubblicata venerdì.

Claire Nevill, portavoce del WFP in Etiopia, ha affermato che le cifre sono estremamente preoccupanti e probabilmente peggioreranno quando l’ ONU dovrà far fronte a una stretta finanziaria , in parte a causa della guerra in Ucraina. I finanziamenti del WFP per curare la malnutrizione in tutto il nord dell’Etiopia si stavano “esaurendo rapidamente”, ha aggiunto Nevill.

La valutazione di emergenza sulla sicurezza alimentare, la prima condotta dal WFP nel Tigray quest’anno, dipinge un quadro preoccupante di una società che lotta per riprendersi da 21 mesi di guerra.

Sebbene attualmente vi sia una tregua difficile tra le forze del Tigrino e le truppe fedeli al primo ministro, Abiy Ahmed, e alcuni aiuti stanno arrivando, la regione deve ancora affrontare restrizioni sui servizi di base come le comunicazioni e le banche , il che significa che le persone non lo fanno avere un facile accesso ai contanti.

Le catene di approvvigionamento con il resto dell’Etiopia rimangono interrotte e la valutazione ha rilevato che il prezzo di prodotti di base come il sorgo e il teff è “salito alle stelle” dall’inizio del conflitto nel novembre 2020. Il carburante scarseggia.

Come risultato di queste e altre pressioni, ha affermato il WFP, 5,2 milioni di persone – quasi il 90% della popolazione – sono ora considerate “insicure dal punto di vista alimentare”, con un aumento di sei punti percentuali rispetto all’ultima valutazione. Di questi, 2,4 milioni di persone (47%) sono considerate “gravemente insicure dal punto di vista alimentare”, che il WFP definisce come “divari estremi nel consumo di cibo”.

Perché una carestia venga dichiarata in una certa parte del mondo, almeno il 20% delle famiglie deve affrontare un’estrema mancanza di cibo, almeno il 30% dei bambini soffre di malnutrizione acuta e due persone ogni 10.000 al giorno muoiono” per fame assoluta o per l’interazione di malnutrizione e malattia”.

L’attesissima nave di pronto soccorso dall’Ucraina sta trasportando 23.000 tonnellate di grano, sufficienti per sfamare 1,5 milioni di persone con razioni complete per un mese, ha detto Beasley. Dovrebbe attraccare a Gibuti il ​​26 o 27 agosto e il grano dovrebbe essere spedito via terra nel nord dell’Etiopia, dove milioni di persone nelle regioni di Tigray, Afar e Amhara hanno dovuto affrontare non solo siccità ma conflitti mortali .

L’Ucraina è stata la fonte della metà del grano che il WFP ha acquistato l’anno scorso per sfamare 130 milioni di persone. Il mese scorso Russia e Ucraina hanno firmato accordi con le Nazioni Unite e il governo turco per consentire le esportazioni di grano ucraino per la prima volta dall’invasione russa di febbraio.

Ma la lenta riapertura dei porti ucraini e il cauto movimento delle navi mercantili attraverso il Mar Nero minato non risolveranno la crisi globale della sicurezza alimentare, ha affermato Beasley. Ha avvertito che i paesi più ricchi devono fare molto di più per mantenere il flusso di grano e altri aiuti nelle parti più affamate del mondo, e ha fatto dei nomi.

“Con i profitti petroliferi così alti in questo momento – profitti da record, miliardi di dollari ogni settimana – … gli stati del Golfo devono aiutare, devono intensificare e farlo ora”, ha detto Beasley. “È imperdonabile non farlo. Tanto più che questi sono i loro vicini, questi sono i loro fratelli, la loro famiglia”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere