03 Dic, 2022

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Warning: Trying to access array offset on value of type bool in /home/ylnitcpg/public_html/wp-content/plugins/td-cloud-library/state/single/tdb_state_single.php on line 315

Ultimi Articoli

Tesla. Elon Musk criticato per aver aperto uno showroom nello Xinjiang, dove la Cina reprime gli uiguri

- Advertisement -

AgenPress – Il produttore di auto elettriche Tesla è stato criticato negli Stati Uniti dopo aver aperto uno showroom nella controversa regione cinese dello Xinjiang.

La Cina è stata accusata di schiavitù e genocidio contro il gruppo di minoranza uigura nella regione occidentale del paese ricca di risorse.

Il senatore repubblicano Marco Rubio, che ha sponsorizzato un disegno di legge firmato dal presidente Joe Biden a dicembre che richiede alle aziende di dimostrare che le merci importate dallo Xinjiang non sono state prodotte con il lavoro forzato, ha parlato della decisione di Tesla.

“Le corporazioni senza nazionalità stanno aiutando il Partito comunista cinese a coprire il genocidio e il lavoro forzato nella regione”.

Scott Paul, presidente dell’ente industriale dell’Alleanza dell’industria manifatturiera americana, ha dichiarato: “Sarò schietto: qualsiasi azienda che fa affari nello Xinjiang è complice del genocidio culturale che si svolge lì. Ma le azioni di Tesla sono particolarmente deprecabili”.

Lunedì il Council on American-Islamic Relations ha invitato Tesla e il suo presidente, Elon Musk, a chiudere lo showroom e “cessare ciò che equivale al sostegno economico al genocidio”.

“Nessuna società americana dovrebbe fare affari in una regione che è il punto focale di una campagna di genocidio contro una minoranza religiosa ed etnica”, ha affermato il direttore delle comunicazioni del gruppo, Ibrahim Hooper.

Attivisti e governi stranieri affermano che circa 1 milione di uiguri e membri di altre minoranze prevalentemente musulmane sono stati confinati nei campi di detenzione nello Xinjiang.

I funzionari cinesi respingono le accuse di abusi e affermano che i campi sono per la formazione professionale e per combattere l’estremismo.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere