03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Sudan. Ragazza attende di essere lapidata con l’accusa di adulterio, non ci sono ministri per salvarla

- Advertisement -

AgenPress – Gli sforzi per impedire che una giovane donna sudanese venga lapidata, dopo essere stata condannata per adulterio, sono ostacolati dall’assenza di ministri del governo nel Paese.

Il Sudan è gestito da una giunta militare da un colpo di stato di un anno fa.

Gli attivisti affermano che la ventenne non ha ottenuto un processo equo e dovrebbe essere liberato.

Un funzionario del governo ha convenuto che il processo fosse “uno scherzo”, ma ha aggiunto: “Non abbiamo un ministro che possa intervenire per chiederne il rilascio”.

La giovane, che si è separata dal marito nel 2020 ed è andata a vivere con la sua famiglia, è stata accusata di adulterio dal marito un anno dopo. È stata dichiarata colpevole nel giugno 2022 da un tribunale della città di Kosti, nello stato sudanese del Nilo Bianco.

Il suo ricorso contro la condanna è stato ora ascoltato e si attende il giudizio del tribunale.

Sulaima Ishaq, che dirige l’unità Violenza contro le donne presso il Ministero dello sviluppo sociale, ha detto ai funzionari della capitale, Khartoum, che il processo era imperfetto, ma che la mancanza di ministri del governo rendeva difficile ottenere il suo punto di vista.

I gruppi per i diritti umani affermano che la donna, di cui la BBC non ha nominato il nome su richiesta della famiglia, non ha avuto accesso a un avvocato mentre era in custodia e non era a conoscenza delle accuse contro di lei.

“Abbiamo motivo di credere che sia stata illegalmente costretta a firmare una confessione dalla polizia”, ​​afferma Mossaad Mohamed Ali, direttore esecutivo dell’African Center for Justice and Peace Studies (ACJPS).

L’avvocato della donna, Intisar Abdala, ha detto alla BBC che sperava che dopo l’appello, la corte avrebbe “fatto la cosa giusta” e avrebbe rilasciato il suo cliente.

Il Sudan impone ancora la pena di morte per alcuni crimini hudud , reati specificati da Allah nel Corano, inclusi furto e adulterio. Nella legge sudanese prevedono sanzioni come la fustigazione, l’amputazione di mani e piedi, l’impiccagione e la lapidazione.

Una promessa del governo nel 2015 di ritirare la morte per lapidazione come forma di punizione non è mai stata attuata, affermano i gruppi per i diritti umani.

“Anche i politici più conservatori sono contrari alla lapidazione”, ha detto Sulaima Ishaq alla BBC. “Ma le cose richiedono molto tempo per cambiare qui e poi arrivare ai tribunali, e le donne sono quelle che soffrono”.

Hala Al-Karib, direttore regionale dell’Iniziativa strategica per le donne nel Corno d’Africa (Siha), ha affermato che le leggi sudanesi sull’adulterio sono state “applicate in modo sproporzionato alle donne”.

L’ultima persona conosciuta dagli attivisti per essere stata condannata a morte per lapidazione con l’accusa di adulterio era una giovane donna di nome Intisar El Sherif Abdalla. Lei e il suo bambino di quattro mesi sono stati rilasciati nel 2012 a seguito di una campagna di Siha e Amnesty International. Ma la signora Al-Karib ha detto che potrebbero esserci stati altri casi che erano passati inosservati.

“Le femministe e i gruppi per i diritti umani nel Paese hanno risorse minime e potrebbero esserci centinaia di casi di cui non siamo a conoscenza”.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere