03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Sudafrica. Uccise la fidanzata, processo per la libertà vigilata per l’atleta olimpico Oscar Pistorius

- Advertisement -

AgenPress – L’atleta olimpico sudafricano Oscar Pistorius, in prigione per aver ucciso la sua fidanzata Reeva Steenkamp, ​​potrebbe presto incontrare i suoi genitori come parte del processo che porta alla libertà vigilata, dicono i funzionari.

Pistorius ha sparato a Steenkamp nel 2013 dicendo che l’aveva scambiata per un ladro nella sua casa nella capitale, Pretoria.

Il 34enne ha sparato quattro volte attraverso la porta del bagno chiusa a chiave.

Nel 2014, a conclusione di un processo che è stato seguito in tutto il mondo, è stato condannato a cinque anni per omicidio colposo. Ma Pistorius è stato dichiarato colpevole di omicidio in appello nel 2015 e la condanna è stata successivamente aumentata a 13 anni e cinque mesi.

In una dichiarazione, il dipartimento dei servizi correttivi del Sud Africa ha affermato che stava parlando con la famiglia Steenkamp di un possibile incontro.

Delineando ciò che deve accadere prima che venga presa in considerazione la libertà vigilata, la dichiarazione afferma che i trasgressori devono “riconoscere e assumersi la responsabilità delle proprie azioni”.

Come parte del processo di giustizia riparativa deve esserci “un’opportunità per le parti di riconciliarsi o di chiedere scusa”.

L’avvocato degli Steenkamps, Tania Koen, ha detto all’emittente nazionale SABC che “vorrebbero partecipare al dialogo vittima-delinquente”.

“June [Steenkamp, ​​la madre di Reeva] ha sempre detto di aver perdonato Oscar, tuttavia ciò non significa che non debba pagare per quello che ha fatto… Barry [Steenkamp, ​​il padre di Reeva] combatte un po’ con questo, ma è qualcosa che dovrà esprimere al momento opportuno”, ha aggiunto la Koen.

“La ferita, anche se è passato così tanto tempo, è ancora molto viva”. Avere diritto alla libertà vigilata non equivale ad averne diritto e quindi non è una conclusione scontata che verrà rilasciato, ha detto l’avvocato. Le autorità dovranno anche prendere in considerazione una serie di rapporti scritti da funzionari carcerari e altri professionisti.

C’era stata anche un po’ di confusione su quando avrebbe potuto iniziare il processo per la libertà vigilata.

Era opinione diffusa che non sarebbe stato fino a marzo 2023, ma gli Steenkamps erano “molto scioccati e piuttosto sorpresi” dal fatto che fosse già idoneo, ha detto la signora Koen.

Pumza Fihlani della BBC a Johannesburg afferma che se gli fosse concessa la libertà vigilata, Pistorius sconterà il resto della sua pena a casa e dovrà presentarsi regolarmente ai funzionari della prigione.

Prima dell’omicidio, Pistorius era diventato famoso come medaglia d’oro paralimpica. Nel 2012, ha fatto la storia diventando il primo velocista amputato a gareggiare alle Olimpiadi correndo su “lame” protesiche.

Le sue gambe sono state amputate sotto il ginocchio quando aveva 11 mesi perché era nato senza ossa del perone.

Ascesa e caduta di Oscar Pistorius

  • Agosto 2012: Gareggia alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Londra, dove ha vinto una medaglia d’oro
  • Febbraio 2013: Spara a morte la sua fidanzata Reeva Steenkamp
  • Marzo 2014: inizia la prova
  • Settembre 2014: il giudice dichiara Pistorius colpevole di omicidio colposo
  • Ottobre 2014: inizia la condanna a cinque anni
  • Ottobre 2015: Trasferito agli arresti domiciliari
  • Dicembre 2015: la corte d’appello cambia il verdetto in omicidio
  • Luglio 2016: condannato a sei anni di carcere per omicidio
  • Novembre 2017: condanna più che raddoppiata a 13 anni e cinque mesi
- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere