30 Gen, 2023

Ultimi Articoli

Save the Children. Nelle zone di guerra aumentano i rischi di nozze precoci

- Advertisement -

AgenPressLe ragazze colpite dai conflitti  hanno il 20% di probabilità in più di sposarsi rispetto a quelle che vivono in aree pacifiche, secondo una nuova analisi di Save the Children pubblicata in occasione del 10 °  anniversario della Giornata internazionale della ragazza.

Le ragazze che vivono nell’Asia orientale e nel Pacifico, in America Latina e nei Caraibi e nell’Asia meridionale corrono il rischio più elevato di matrimoni precoci legati a conflitti. L’Africa occidentale e centrale, una regione colpita da conflitti ed emergenze climatiche, che portano alla povertà e alla carenza di cibo, ha i più alti tassi di matrimoni precoci al mondo.

La ricerca rivela inoltre che quasi 90 milioni di ragazze – ovvero 1 su 5 a livello globale – vivono in una zona di conflitto, con impatti devastanti sulla loro salute, benessere e opportunità future.

Nonostante le leggi contro i matrimoni precoci in Nigeria, il paese ospita uno dei più alti tassi di matrimoni precoci al mondo. Miriam, 16 anni , e la sua famiglia sono state costrette a fuggire dal loro villaggio nello stato di Borno per sfuggire ai gruppi armati. Ora vivono in un campo per sfollati interni, con conseguenze devastanti per lei. Miriam ha detto: 

“Sono stata sposata contro la mia volontà. Non è stata una mia scelta. (…) Sono passati quattro mesi da quando ho abbandonato la scuola. In questo periodo la vita non è stata facile per me. Ho studiato un po’, ma… da allora ho dimenticato tutto quello che ho imparato”.

Sebbene gli sforzi per contrastare il matrimonio precoce si concentrino spesso sulla prevenzione, viene prestata poca attenzione ai bisogni e alle esperienze delle ragazze sposate. L’annuale Global Girlhood Report  di Save the Children  : Ragazze in prima linea  presenta le voci di ragazze sposate, vedove e divorziate, comprese le informazioni sulle ragazze sfollate a causa del conflitto nella regione del Kurdistan dell’Iraq (KRI) e del Sud Sudan: 

  • Sono state condotte più di 600 interviste con 139 ragazze in entrambi i paesi tra il 2020 e il 2021 per comprendere le loro esperienze, comprese le ragioni per sposarsi, le loro esperienze con la gravidanza e dopo il matrimonio.
  • Le ragazze hanno descritto vari gradi di controllo sulla decisione di sposarsi: alcune sono state rapite e costrette a sposarsi, altre hanno ceduto alle pressioni familiari o si sono sposate a seguito di una gravidanza non pianificata.
  • Le ragazze di entrambi i paesi hanno descritto il matrimonio per aiutare a provvedere alle loro famiglie durante periodi di estreme difficoltà economiche. Alcune ragazze del KRI hanno affermato che i sentimenti di isolamento e un futuro cupo hanno influenzato la loro decisione di sposarsi.  
  • Tutte le ragazze hanno descritto l’esposizione alla violenza e alle regole patriarcali – compresi i valori che conferiscono a uomini e ragazzi il potere su donne e ragazze, il che porta alla disuguaglianza di genere – come un limite alle scelte a loro disposizione.

Il rapporto ha anche esaminato i progressi compiuti per porre fine ai matrimoni precoci da quando è stata dichiarata per la prima volta la Giornata internazionale della ragazza nel 2012.

Sebbene  tra il 2008 e il 2018 siano stati impediti circa 25 milioni di matrimoni precoci in tutto il mondo,  il mondo era molto lontano dalla strada per rispettare la scadenza dell’obiettivo di sviluppo sostenibile globale per porre fine ai matrimoni precoci entro il 2030. Si prevede che la crisi del COVID e il suo continuo impatto sulla disuguaglianza di genere spingere  10 milioni di ragazze in più a sposarsi entro il 2030 , il primo balzo dei tassi globali in più di due decenni. 

La pandemia, unita all’aggravarsi dell’emergenza climatica, ai conflitti nuovi e in corso e alla peggiore crisi alimentare globale degli ultimi decenni, ora minacciano ulteriormente i progressi per porre fine ai matrimoni precoci.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere