27 Nov, 2022

Ultimi Articoli

Russi in fuga dalla mobilitazione parziale di Putin. “Non voglio morire per le ambizioni di qualcun altro”

- Advertisement -

AgenPress –  Andrei Alekseev, un ingegnere di 27 anni della città di Ekaterinburg, era tra i tanti uomini in coda che stavano fuggendo dalla Russia sulla scia degli ordini di mobilitazione del presidente Vladimir Putin.

Le auto hanno dovuto superare i controlli di frontiera russi e kazaki, entrambi durati circa due ore.

Alekseev si è svegliato alla notizia dell’ordine  di mobilitazione di Putin  mercoledì mattina e sapeva che doveva fuggire dalla Russia. Quella sera si è incontrato con i suoi amici per discutere i loro prossimi passi e ha deciso di evitare di correre rischi e di lasciare la Russia senza un piano in mente.

“Al confine, a tutti gli uomini è stato chiesto se prestassero servizio nell’esercito e qual è la loro categoria di servizio militare”, ha detto Alekseev.

“Sentivo che le guardie di frontiera fossero molto comprensive, tuttavia, avevo amici che hanno attraversato il confine con il Kazakistan a un posto di blocco diverso e sono stati accolti con domande estenuanti, ci sono volute sette ore per attraversare”.

Kirill Ponomarev, 23 anni, anch’egli fuggito dalla Russia attraverso un confine con il Kazakistan, ha affermato di aver faticato a prenotare un biglietto. La notte prima dell’indirizzo di Putin stava cercando i biglietti per uscire dalla Russia.

“Per qualche ragione, non ho potuto comprare un biglietto, la sera prima, in attesa del discorso di Putin. E poi mi sono addormentato senza comprare un biglietto, quando mi sono svegliato, i prezzi dei biglietti sono aumentati”, ha detto Ponomarev. 

Gli uomini si sono precipitati alle frontiere, scambiandosi consigli sui canali Telegram e tra amici. I voli di sola andata dalla Russia sono andati esauriti entro poche ore dall’annuncio della mobilitazione.

Kirill, che è per metà ucraino, ha detto che non può immaginare di andare in guerra e uccidere gli ucraini. “Non sarò in grado di spiegare le mie azioni ai parenti che si trovano in Ucraina. Parliamo ogni giorno”. 

Quattro dei cinque paesi dell’Unione Europea confinanti con la Russia hanno vietato l’ingresso ai russi con visto turistico, mentre le code per attraversare i confini terrestri dalla Russia verso i paesi ex sovietici Kazakistan, Georgia e Armenia impiegano più di 24 ore per attraversare.

Subendo pesanti perdite in Ucraina questo mese nel mezzo della controffensiva ucraina, Putin ha alzato la posta questa settimana con la bozza e il suo sostegno ai referendum nei territori occupati in Ucraina.

Il decreto firmato da Putin sembra consentire una mobilitazione più ampia di quanto suggerito nel discorso andato in onda mercoledì. Secondo l’indirizzo, 300.000 riservisti sarebbero stati arruolati al fronte, rompendo le sue promesse all’inizio della guerra che non ci sarebbe stata mobilitazione. Tuttavia, il decreto stesso non pone limiti al numero di persone che possono essere mobilitate.

“La mobilitazione si chiama ‘parziale’, ma non sono specificati parametri di questa parzialità, né geografici, né in termini di criteri”, ha scritto Ekaterina Schulmann, una politologa russa, sulla sua pagina sui social media.

“Secondo questo testo, chiunque può essere arruolato, ad eccezione dei lavoratori del complesso militare-industriale”.

Alcuni uomini hanno avuto la fortuna di conoscere la notizia degli ordini di mobilitazione dall’estero. Ilya, 35 anni, era in vacanza con la sua famiglia in Turchia quando ha ricevuto un messaggio dai suoi colleghi di Kurgan, una città nella regione russa degli Urali, che il suo ufficio aveva ricevuto una bozza di lettera per lui.

Sua moglie e suo figlio sono tornati in Russia mentre lui è rimasto in Turchia. “Non voglio la guerra, non voglio morire per le ambizioni di qualcun altro, non voglio dimostrare niente a nessuno, è stata una decisione difficile non tornare in Russia, molto difficile, non lo so quando ora posso vedere la mia famiglia, i miei cari”, ha detto Ilya. 

Ilya ha servito nell’esercito russo anni fa, quindi è considerato nella riserva. “Sono perplesso e non so cosa fare, come provvedere alla mia famiglia che è così lontana da loro. Sono profondamente indebitato a causa di decisioni così improvvise e forzate, e sono solo moralmente esausto”, ha detto.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere