06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Romania. La crudele vita dei cincillà, allevati per le pellicce. Rottura del collo o camere a gas per ucciderli

- Advertisement -

AgenPress – In uno squallido seminterrato, i cincillà allevati per fornire la pelliccia all’industria della moda mordono il filo di gabbie che sono impilate dal pavimento al soffitto senza luce naturale, mentre i loro bambini lottano sui pavimenti di rete metallica .

La scena catturata in video è tra i risultati di un’indagine sotto copertura sulle condizioni negli allevamenti di cincillà in Romania, condotta l’anno scorso dall’organizzazione benefica per il benessere degli animali Humane Society International.

HSI ha affermato di aver scoperto pratiche crudeli e presumibilmente illegali e ha fatto appello al primo ministro rumeno Nicolae Ciuca affinché vieti completamente l’allevamento di animali da pelliccia nel paese dell’Europa orientale.

Mercoledì, l’ente di beneficenza ha presentato formalmente a Ciuca un rapporto sui risultati esortandolo a “fermare questa atroce sofferenza in nome della moda”.

Gli investigatori dell’HSI che hanno esaminato 11 allevamenti di cincillà in diverse parti della Romania hanno affermato che alcuni agricoltori hanno detto loro di uccidere gli animali rompendo loro il collo, una pratica che contravviene ai metodi di uccisione consentiti per i cincillà dalla legge dell’Unione europea .

I cincillà sono una specie di roditore molto socievole originaria del Sud America e apprezzata per la loro pelliccia morbida e setosa.

“Questa indagine fornisce prove scioccanti della privazione che questi animali stanno subendo in Romania per l’industria della pelliccia”, ha affermato Andreea Roseti, direttore nazionale rumeno di HSI. “Tale crudeltà porta vergogna alla Romania e speriamo che la nostra indagine segni l’inizio della fine per l’industria della pelliccia qui”.

Un allevatore di pellicce avrebbe mostrato a un investigatore dell’HSI una camera a gas fatta in casa – un truce metodo di uccisione consentito dalla legge dell’UE – che era stata costruita “usando una pentola a pressione”. Il gruppo ha anche affermato che le femmine di cincillà sono mantenute in cicli di gravidanza quasi permanenti, durante i quali sono costrette a indossare un “collare o un collare rigido” per evitare che scappino durante l’accoppiamento.

In risposta alle indagini di HSI, lunedì un gruppo di legislatori rumeni ha presentato una proposta di legge in parlamento chiedendo il divieto di allevamento e uccisione di animali esclusivamente per la loro pelliccia. È stato firmato da cinque parlamentari del Partito Nazionale Liberale di centrodestra.

È una spinta per la Romania, membro dell’UE dal 2007, ad “allinearsi alla legislazione dell’UE” e unirsi ad altri membri del blocco che hanno già introdotto tali divieti, hanno affermato i legislatori.

Gheorghe Pecingina, il vice che ha avviato la proposta, ha detto  che è importante che la pratica “crudele” finisca ora perché i cincillà “vengono uccisi con metodi barbari” in Romania.

L’ufficio del primo ministro Ciuca e l’Associazione dei produttori rumeni di pelli e pellicce non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento di AP.

La scorsa settimana i legislatori lettoni hanno votato per modificare la legislazione per vietare gli allevamenti di animali da pelliccia, rendendo la Lettonia il quindicesimo dei 27 paesi dell’UE a dedicare tempo al settore.

“Non c’è alcuna possibilità in cui la vita degli animali o qualsiasi cosa collegata a questi animali dovrebbe essere accettabile nell’allevamento di animali da pelliccia”, ha affermato Roseti di HSI. “Questi animali sono allevati solo per la loro pelliccia che viene usata per la moda… questo non è un motivo per tenerli in quelle condizioni e per ucciderli.”

Fur Free Europe, un’iniziativa dei cittadini europei supportata da dozzine di organizzazioni per il benessere degli animali e registrata dalla Commissione europea a marzo, ha lanciato una petizione per chiedere il divieto a livello europeo degli allevamenti di pellicce e del commercio di prodotti in pelliccia sul mercato del blocco . Finora ha raccolto più di 377.000 firme. “Questa è l’occasione per la Romania di essere dalla parte giusta della storia”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere