27 Set, 2022

Ultimi Articoli

Repubblica Congo. Le truppe ucraine lasciano la missione di pace. Devono combattere in Patria

AgenPress – I 250 soldati ucraini con la missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo sono tornati a casa per aiutare a combattere le forze russe.

Quando a marzo è stato annunciato il ritiro dell’unità aerea ucraina, i diplomatici hanno avvertito che potrebbe lasciare la missione delle Nazioni Unite seriamente a corto di elicotteri.

Questi sono vitali nella lotta contro i vari gruppi ribelli con sede nelle fitte foreste della Repubblica Democratica del Congo orientale.

Gli otto elicotteri ucraini costituivano circa un terzo della flotta delle Nazioni Unite.

Dall’invasione russa di febbraio, l’Ucraina aveva già ritirato le sue truppe dall’altra missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite in cui erano state dispiegate.

Quando gli ucraini hanno lasciato la Repubblica Democratica del Congo, il comandante brasiliano delle forze dell’ONU, il generale Marcos Da Costa, ha affermato che “i loro 10 anni di immenso contributo” sono stati molto apprezzati.

La missione delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo, Monusco, è già sotto pressione nel Paese.

È ampiamente criticato per non aver fatto abbastanza per riportare la pace nell’est, dove numerosi gruppi armati hanno operato per tre decenni, uccidendo, violentando e saccheggiando le ricche risorse minerarie della regione come oro e diamanti.

A luglio, 36 persone, tra cui quattro forze di pace delle Nazioni Unite, sono morte quando i manifestanti hanno saccheggiato gli edifici delle Nazioni Unite nelle città della Repubblica Democratica del Congo orientale.

Dopo 22 anni nel Paese, la missione dovrebbe essere in fase di conclusione, ma non è stata fissata alcuna data per la fine delle sue operazioni.

È una delle 12 missioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite più grandi e costose.

 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere