03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Regno Unito. Tribunale accusa la Cina e Xi Jinping di aver commesso un genocidio contro gli uiguri

- Advertisement -

AgenPress – La Cina ha commesso un genocidio contro il popolo uiguro nello Xinjiang, secondo un tribunale non ufficiale con sede nel Regno Unito.

Il tribunale uiguro ha citato le misure di controllo delle nascite e sterilizzazione presumibilmente eseguite dallo stato contro gli uiguri come motivo principale per raggiungere la sua conclusione giovedì.

Sir Geoffrey Nice, un importante avvocato britannico che ha presieduto le udienze del tribunale, ha affermato  che la Cina abbia attuato “una politica deliberata, sistematica e concertata” per ottenere “una riduzione a lungo termine della popolazione uigura e di altre minoranze etniche”. Ha aggiunto che il panel ritiene che alti funzionari, tra cui il presidente cinese Xi Jinping, abbiano “la responsabilità primaria” per gli abusi contro le minoranze musulmane nella regione dello Xinjiang.

L’avvocato Geoffrey Nice, che in precedenza ha guidato il processo contro l’ex presidente serbo Slobodan Milosevic per la guerra nei Balcani e ha lavorato con la Corte penale internazionale, è stato invitato dal Congresso mondiale degli uiguri a indagare sulle atrocità in corso e il possibile genocidio contro il popolo uiguro. Nice ha affermato che le accuse contro la Cina sul potenziale genocidio sono domande che dovrebbero essere poste con le rispettive risposte, ma tali affermazioni non sono mai state esaminate legalmente in pubblico.

“Ora non ci sono più scuse per la comunità internazionale per continuare il suo silenzio sul genocidio uiguro”, ha detto. “È obbligo legale di tutti i paesi che hanno firmato la convenzione sul genocidio del 1948 intraprendere un’azione legale”.

Il collegio del tribunale era composto da avvocati e accademici. Le sue conclusioni non hanno forza legale e non sono vincolanti per i ministri, ma i suoi organizzatori hanno affermato all’inizio che intendevano aggiungere al corpo di prove attorno alle accuse contro la Cina e raggiungere una conclusione indipendente sulla questione del genocidio.

Il governo cinese nega tutte le accuse di violazioni dei diritti umani nello Xinjiang. Rispondendo alla sentenza del tribunale giovedì, un portavoce ha detto alla BBC che l’organismo era uno “pseudo tribunale” e uno “strumento politico utilizzato da alcuni elementi anti-cinesi per ingannare e fuorviare il pubblico”.

Il panel ha anche affermato di aver trovato prove di crimini contro l’umanità, tortura e violenza sessuale contro il popolo uiguro.

Il tribunale uiguro ha ascoltato più di 70 testimoni in due serie di udienze a Londra a giugno e settembre, compresi ex detenuti ed esperti. Tra i testimoni c’era il linguista uiguro Abduweli Ayup, che ha testimoniato sulle molestie della sua famiglia nello Xinjiang e sulla condanna a 15 mesi inflittagli in sua assenza per incitamento al terrorismo – un’accusa comune mossa dallo Stato cinese contro gli uiguri.

La questione se i presunti abusi della Cina equivalgano a un genocidio ha diviso la comunità internazionale. Il governo degli Stati Uniti ha accusato la Cina di un genocidio contro gli uiguri e i parlamenti di Regno Unito, Canada, Paesi Bassi e Lituania hanno approvato risoluzioni che fanno la stessa dichiarazione.

Ma il governo britannico ha rifiutato di accusare la Cina di genocidio. Il primo ministro Boris Johnson ha sostenuto che il genocidio è un termine specifico con forza legale che dovrebbe essere determinato solo da un tribunale penale.

Il caso del genocidio si basa sui rapporti secondo cui la Cina sta adottando misure per cancellare la cultura degli uiguri e assimilare o ridurre la popolazione attraverso programmi di trasferimento forzato e controllo delle nascite.

In un rapporto pubblicato ad aprile, l’organizzazione benefica con sede negli Stati Uniti Human Rights Watch ha concluso che la Cina è responsabile di crimini contro l’umanità nello Xinjiang, ma si è fermata prima di definire genocidio le azioni dello stato.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere