02 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Qatar. La moglie di Panzeri ricorre in Cassazione contro decisione Appello per consegna al Belgio

- Advertisement -

AgenPress –  Il legale di Maria Dolores Colleoni, moglie di Antonio Panzeri ex eurodeputato in carcere a Bruxelles per il Qatargate, ha depositato ricorso in Cassazione contro la decisione della Corte d’Appello di Brescia che lunedì ha dato il via libera alla consegna al Belgio della 67enne.

Per la moglie e la figlia di Panzeri, infatti, da Brescia sono arrivate nei giorni scorsi due decisioni diverse: per Colleoni, ha scritto il collegio, “sussistono i gravi indizi di colpevolezza” ed è stato dato il via libera alla consegna, mentre per Silvia Panzeri (sono entrambe ai domiciliari) i giudici hanno stabilito che il Ministero della Giustizia dovrà chiedere approfondimenti sulle condizioni delle carceri del Belgio. Il ricorso per la posizione di Colleoni blocca l’esecutività della consegna decisa dai giudici. Ora la Cassazione dovrà fissare udienza e la decisione potrebbe arrivare entro una decina di giorni.

Il ricorso dei legali Angelo De Riso e Nicola Colli si basa su “problemi persistenti nelle carceri belghe, tra cui il sovraffollamento di lunga data e la carenza di personale”. Elementi che hanno portato martedì un altro collegio di giudici bresciani a rinviare a gennaio per approfondimenti la decisione sulla figlia Silvia Panzeri.

La seconda sezione della Corte d’Appello, guidata da Giulio De Antoni, ha ritenuto, in particolare, di concedere a Silvia Panzeri un rinvio al prossimo 3 gennaio: un termine per acquisire informazioni sulla situazione delle carceri belghe, dopo che i suoi due legali hanno illustrato un report del Comitato europeo per la prevenzione della tortura e delle pene o trattamenti inumani o degradanti da cui sono emersi “una serie di problemi persistenti nelle carceri belghe, tra cui il sovraffollamento di lunga data e la carenza di personale”. Una questione riproposta ora anche in Cassazione per la moglie di Panzeri, che trae forza proprio dal provvedimento dei giudici bresciani. Il mandato d’arresto europeo per associazione per delinquere, corruzione e riciclaggio a carico delle due donne era stato eseguito lo scorso 9 dicembre in Italia, quando in Belgio erano stati arrestati, tra gli altri, Panzeri, l’ex collaboratore Francesco Giorgi e la compagna Eva Kaili, ormai ex vicepresidente del Parlamento europeo.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere