03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Povertà. Cei, il reddito di cittadinanza venga dato a chi vive in condizioni peggiori, partendo dai poveri assoluti

- Advertisement -

AgenPress –  “La misura di contrasto alla povertà esistente nel nostro Paese, il Reddito di Cittadinanza, è stata finora percepita da 4,7 milioni di persone, ma raggiunge poco meno della metà dei poveri assoluti (44%). Sarebbe quindi opportuno assicurarsi che fossero raggiunti tutti coloro che versano nelle condizioni peggiori, partendo dai poveri assoluti. Accanto alla componente economica dell’aiuto vanno garantiti adeguati processi di inclusione sociale”.

Lo afferma il XXI Rapporto sulla Povertà di Caritas italiana, organismo Cei, diffuso in occasione della Giornata internazionale di lotta alla povertà.

“Al momento una serie di vincoli amministrativi e di gestione ostacolano tale aspetto”, spiega il Rapporto che offre alcune proposte “di rafforzamento della capacità di presa in carico dei Comuni, anche attraverso il potenziamento delle risorse umane e finanziarie a disposizione e un miglior coordinamento delle azioni”.

“Particolare attenzione  va data ai nuovi progetti programmi in partenza, finanziati dal Pnrr, tra cui GOL (Garanzia Occupabilità Lavoratori), un programma pensato per rafforzare i percorsi di Occupabilità di disoccupati, lavoratori poveri o fragili/vulnerabili (NEET, giovani, maturi), beneficiari di RdC e di ammortizzatori sociali in costanza o assenza di rapporti di lavoro; si tratta di 3 milioni di persone da formare o riqualificare entro il 2025, di cui il 75% saranno donne, disoccupati di lunga durata, giovani under 30, over 55″.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere