26 Nov, 2022

Ultimi Articoli

Pil. Confcommercio, dicembre – 0,3% su base mensile, inflazione al 3,8%. Novembre consumi +11,6%

- Advertisement -

AgenPress – Come si temeva, il 2021 si chiude sotto il segno dell’incertezza. Al rischio di un ridimensionamento della crescita globale si aggiungono i timori legati alla ripresa dell’inflazione e anche in Italia cresce il timore di una crescita meno brillante del previsto per il 2022. A sottolinearlo è l’Ufficio Studi Confcommercio nell’ultimo numero di “Congiuntura Confcommercio”, nel quale si scopre che sul versante dei consumi si consolida a novembre la tendenza alla ripresa della domanda per i servizi. L’ICC (Indicatore Consumi Confcommercio) aumenta infatti dell’11,6% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, grazie a una crescita del 46,8% per i servizi e del 2,6% per i beni. La domanda delle famiglie resta tuttavia molto più bassa rispetto al 2019, tanto che  – avverte l’Ufficio Studi – “per alcuni segmenti dei servizi bisognerà attendere almeno fino alla fine del 2022 per tornare sui livelli pre-pandemici”.

Per quanto riguarda il Pil, a dicembre è visto in calo dello 0,3% in confronto al mese precedente e in aumento del 6,7% su base annua. Una valutazione che conferma la stima di una crescita del 6,2% nel 2021.

Quanto all’inflazione, la stima per dicembre è di un aumento dello 0,3% su base mensile e del 3,8% su base annua. Nella media del 2021 i prezzi al consumo dovrebbero aumentare dell’1,9%, “lasciando un’eredità molto pesante al 2022”. Nella prima parte del prossimo anno è prevista una crescita oltre la soglia del 4%, con relativa riduzione del potere d’acquisto per le famiglie.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere