01 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Parigi. Sparatoria nel centro culturale curdo. 3 morti. L’autore è un uomo di 69 anni. Arrestato

- Advertisement -

AgenPress  – Una sparatoria contro un centro culturale curdo in un vivace quartiere di Parigi venerdì ha provocato tre morti e altri tre feriti, hanno detto le autorità. Un sospetto di 69 anni è stato ferito e arrestato.

La procura di Parigi ha aperto un’inchiesta per omicidio e tentato omicidio. Il procuratore di Parigi ha affermato che il sospetto è stato recentemente rilasciato dal carcere dopo aver aggredito i migranti che vivevano in tende, e che gli investigatori stanno valutando un possibile movente razzista per la sparatoria.

I membri scioccati della comunità curda a Parigi hanno affermato di essere stati recentemente avvertiti dalla polizia di minacce a obiettivi curdi e hanno chiesto giustizia dopo la sparatoria.

I residenti e i commercianti nelle vicinanze sono rimasti profondamente scossi dall’attacco, avvenuto mentre Parigi brulicava di attività festive prima del fine settimana di Natale.

La sparatoria è avvenuta a mezzogiorno in un centro culturale curdo e in un ristorante e parrucchiere nelle vicinanze, secondo il sindaco del 10° arrondissement, Alexandra Cordebard. Parlando con i giornalisti presenti sul posto, ha affermato che la “vera motivazione” della sparatoria rimane poco chiara.

Mentre parlava, una folla nelle vicinanze ha cantato “Erdogan, terrorista” – riferendosi al presidente turco Recep Tayyip Erdoğan – e “Stato turco, assassino”.

Un operaio edile che lavorava nelle vicinanze ha raccontato di aver visto l’aggressore andare prima al centro culturale, poi al ristorante e poi dal parrucchiere. L’operaio edile ha raccontato di aver visto l’aggressore ferire tre persone, poi sono intervenuti due passanti che hanno fermato l’aggressore.

L’operaio, che ha parlato a condizione che il suo nome non venisse pubblicato perché preoccupato per la sua incolumità, ha descritto l’aggressore silenzioso e calmo mentre brandiva una pistola di piccolo calibro.

La polizia ha transennato l’area nel 10° arrondissement della capitale francese, in una strada trafficata con negozi e ristoranti vicino alla stazione ferroviaria Gare de l’Est. Il dipartimento di polizia di Parigi ha avvertito le persone di stare alla larga dalla zona.

Il procuratore di Parigi Laure Beccuau ha dichiarato che tre persone colpite dalla sparatoria sono morte, una è in condizioni critiche e altre due sono ricoverate in ospedale con ferite meno gravi. L’aggressore è stato anche ferito al volto, ha detto.

Ha detto che i pubblici ministeri antiterrorismo sono in contatto con gli investigatori, ma non hanno indicato alcun segno di un movente terroristico.

Il pubblico ministero ha affermato che il sospettato ha avuto almeno due precedenti scontri con la polizia: l’attacco ai migranti nelle tende nella parte orientale di Parigi nel 2021 e una recente condanna in un altro caso in un sobborgo parigino. Non ha approfondito i dettagli di nessuno dei due casi.

Nell’attacco ai migranti, il sospetto ha brandito una sciabola e ha ferito alcune persone in un campo improvvisato, ha detto Yann Monzi del gruppo umanitario Utopia 54.

Si è lamentato del recente rilascio del sospetto, così come i curdi che si sono radunati sulla scena della sparatoria di venerdì.

“Sono chiaramente i curdi ad essere presi di mira”, ha detto l’attivista Murat Roni, che viene regolarmente al centro culturale. Lo ha descritto “come l’ambasciata per i curdi a Parigi”, un luogo di ritrovo per eventi culturali, discussioni politiche, assistenza con le procedure di immigrazione, “una casa dove si riuniscono tutti i curdi”.

Dopo la sparatoria di venerdì, ha detto: “Non ci sentiamo affatto protetti a Parigi. … Non ci sentiamo difesi dal sistema giudiziario francese.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere