28 Set, 2022

Ultimi Articoli

Pakistan. L’Onu chiede 160 mln di dollari in aiuti per le inondazioni. Guterres, catastrofe climatica

AgenPress – Le Nazioni Unite e il Pakistan hanno lanciato  un appello per 160 milioni di dollari in finanziamenti di emergenza per aiutare i milioni di persone colpite da inondazioni da record che hanno ucciso più di 1.150 persone da metà giugno.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guteres ha affermato che le piogge monsoniche e le alluvioni che hanno causato oltre mille morti e distruzione in Pakistan sono “una catastrofe climatica”.

“Smettiamola di camminare nel sonno verso la distruzione del nostro pianeta a causa del cambiamento climatico”, ha detto in un videomessaggio a una cerimonia di Islamabad che ha lanciato l’appello per il finanziamento. “Oggi è il Pakistan. Domani potrebbe essere il tuo paese”.

Più di 33 milioni di persone, ovvero un pachistano su sette, sono state colpite dalle catastrofiche inondazioni, che hanno devastato un Paese che già cercava di rilanciare un’economia in difficoltà. Più di 1 milione di case sono state danneggiate o distrutte negli ultimi due mesi e mezzo, causando lo sfollamento di milioni di persone. Circa mezzo milione di sfollati vive in campi organizzati, mentre altri hanno dovuto trovare un rifugio.

Secondo le prime stime del governo, la devastazione ha causato danni all’economia per 10 miliardi di dollari.

“Si tratta di una stima preliminare che potrebbe essere molto più ampia”, ha detto il ministro della Pianificazione Ahsan Iqbal all’Associated Press. Più di 160 ponti e più di 3.400 chilometri (2.100 miglia) di strada sono stati danneggiati.

Sebbene le piogge siano cessate tre giorni fa, ampie zone del paese rimangono sott’acqua e i fiumi principali, l’Indo e lo Swat, sono ancora gonfi. Martedì la National Disaster Management Authority ha avvertito i servizi di emergenza di essere in massima allerta, affermando che le acque alluvionali nelle prossime 24 ore potrebbero causare ulteriori danni.

I soccorritori hanno continuato a evacuare le persone bloccate dai villaggi allagati verso un terreno più sicuro. Lungo le autostrade sono sorte tendopoli improvvisate.

I meteorologi hanno avvertito di ulteriori piogge nelle prossime settimane.

“È probabile che la situazione si deteriori ulteriormente poiché le forti piogge continuano su aree già inondate da oltre due mesi di tempeste e inondazioni. Per noi, questa non è altro che un’emergenza nazionale”, ha affermato martedì il ministro degli Esteri pakistano Bilawal Bhutto-Zardari, esortando la comunità internazionale a dare generosamente all’appello delle Nazioni Unite.

“Da metà giugno, infatti, il Pakistan sta combattendo uno dei cicli più gravi e totalmente anomali del monsone torrenziale”, ha affermato. Le precipitazioni durante quel periodo sono state tre volte la media e fino a sei volte superiori in alcune aree, ha detto.

L’appello lampo delle Nazioni Unite per 160 milioni di dollari fornirà cibo, acqua, servizi igienici, salute e altre forme di aiuto a circa 5,2 milioni di persone, ha affermato Gutteres.

“La scala dei bisogni cresce come le acque alluvionali. Richiede l’attenzione collettiva e prioritaria del mondo”, ha affermato.

Il giorno prima, il consiglio di amministrazione del Fondo monetario internazionale ha approvato il rilascio di un tanto atteso 1,17 miliardi di dollari per il Pakistan.

I fondi fanno parte di un salvataggio da 6 miliardi di dollari concordato nel 2019. L’ultima tranche era sospesa dall’inizio di quest’anno, quando il FMI ha espresso preoccupazione per il rispetto da parte del Pakistan dei termini dell’accordo sotto il governo dell’ex primo ministro Imran Khan. Khan è stato estromesso con un voto di sfiducia in parlamento ad aprile.

Il Pakistan ha rischiato il default mentre le sue riserve stanno diminuendo e l’inflazione è aumentata vertiginosamente, e per ottenere il salvataggio del FMI, il governo ha dovuto accettare misure di austerità.

La catastrofe delle inondazioni, tuttavia, aggiunge nuovi oneri al governo a corto di liquidità. Riflette anche come i paesi più poveri spesso paghino il prezzo del cambiamento climatico in gran parte causato dalle nazioni più industrializzate. Dal 1959, il Pakistan è responsabile solo dello 0,4% delle emissioni storiche di CO2 del mondo. Gli Stati Uniti sono responsabili del 21,5%, la Cina del 16,5% e l’UE del 15%.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere