07 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Onu. Denise Brown: “in Ucraina la catastrofe umanitaria è sbalorditiva. Donne e ragazze violentate, famiglie separate”

- Advertisement -

AgenPress – “Il popolo dell’Ucraina è sotto tremendo stress. Stanno emergendo problemi di salute mentale e questa sarà una delle eredità più devastanti e durature di questa guerra. La pura profondità della catastrofe umanitaria è sbalorditiva”.

Così coordinatrice residente delle Nazioni Unite in Ucraina Denise Brown ha ricordato che la continua offensiva della Russia è giunta al suo 239° giorno.

Quasi 18 milioni di persone – più del 40 per cento dell’intera popolazione ucraina – ora hanno bisogno di assistenza umanitaria, con 14 milioni costretti a fuggire dalle proprie case, inclusi 6,2 milioni di sfollati interni e quasi 7,7 milioni di rifugiati. Secondo l’UNICEF, circa 5,7 milioni di bambini in età scolare sono stati colpiti dall’inizio della guerra. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che ci sono stati oltre 630 attacchi verificati all’assistenza sanitaria e ogni giorno che passa emergono “nuove dimensioni”.

In primo luogo, le temperature stanno precipitando e la distruzione delle infrastrutture civili è accelerata con gli attacchi missilistici russi. “I danni agli impianti elettrici e termici significano che la vita sarà ancora più difficile per i già vulnerabili, compresi gli anziani e le persone con disabilità. C’è un rischio maggiore di morte nei prossimi mesi perché i civili potrebbero non avere accesso ai servizi essenziali per sopravvivere”.

Brown ha detto agli ambasciatori che per soddisfare i bisogni essenziali, l’ONU ha sviluppato un “piano separato e specifico per i mesi invernali, costruito a livello di oblast in coordinamento con le autorità”. Nonostante tutte le difficoltà, “stiamo aiutando le persone. Già quest’anno, più di 590 partner umanitari stanno fornendo assistenza fondamentale e protezione a livello nazionale. Molti di loro sono organizzazioni umanitarie nazionali e locali, organizzazioni guidate da donne e volontari che sono in prima linea in questi sforzi. Dobbiamo elogiare la loro leadership, coraggio e impegno”.

In tutto, più di 13 milioni di persone sono state raggiunte da operatori umanitari in tutto il paese. In secondo luogo, Brown ha affermato che le nuove aree accessibili significano essere in grado di raggiungere nuove comunità con assistenza umanitaria e servizi essenziali, ma nelle aree liberate di Kharkiv, Kherson e Donetsk, la minaccia delle mine antiuomo e la contaminazione da ordigni inesplosi sta ostacolando le operazioni.

Il trauma psicosociale sta emergendo come un’ulteriore dimensione della sofferenza dei civili, con il Ministero della Salute ucraino e l’OMS che hanno riferito che almeno 10 milioni di persone avranno bisogno di supporto psicosociale. “Ciò include donne e ragazze che subiscono violenza sessuale e altre forme di violenza di genere, bambini che sentono ogni giorno sirene di avvertimento, famiglie che sono state separate o persone che cercano solo di sopravvivere ogni giorno. “Nelle aree in cui il governo ucraino ha ripreso il controllo, in particolare nelle zone rurali, i civili che hanno assistito o subito terribili violazioni e ostilità in corso, sono tra i più a rischio”.

Brown ha affermato che l’accesso umanitario ai più bisognosi rimane una sfida costante in Ucraina. Ha detto che continuano a essere fatte richieste regolari per attraversare la linea del fronte, ma l’accordo è stato sfuggente. Operativamente, ha detto al Consiglio la responsabile degli aiuti umanitari dell’ONU in Ucraina, “siamo pronti a muoverci con convogli interagenziali e personale ausiliario in aree non controllate dal governo detenute dalla Russia e dai loro alleati. Le conseguenze della mancata fornitura di assistenza ai milioni di persone stimate in queste aree sono terribili, in particolare con i mesi invernali già alle porte. Dobbiamo essere in grado di alleviare la sofferenza umana causata da questa guerra”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere