06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Nord Stream. La Svezia trova una nuova perdita nel gasdotto russo, per un totale di quattro

- Advertisement -

AgenPress – La Svezia ha trovato una nuova perdita in un importante gasdotto sottomarino che trasporta gas naturale russo nell’UE, diventando così il quarto scoperto questa settimana.

 Un totale di quattro perdite di gas sono state scoperte dopo le esplosioni delle linee del gasdotto Nord Stream 1 e 2: afferma la Guardia Costiera svedese. Due di queste quattro perdite si trovano nella zona economica svedese. Allo stesso tempo, il sismologo Björn Lund non esclude che possa essersi verificata una terza detonazione.

Danimarca e Svezia hanno segnalato in precedenza fughe di gas nei gasdotti Nord Stream 1 e 2, avvertendo le autorità della possibilità di un attacco deliberato.

L’UE ha affermato che le perdite erano state causate da un sabotaggio.

La Russia ha respinto i suggerimenti altrove secondo cui aveva attaccato i propri gasdotti definendoli “prevedibili e stupidi”.

La guardia costiera svedese ha affermato di aver trovato la quarta perdita su Nord Stream 2, molto vicino a una perdita più grande trovata in precedenza su Nord Stream 1.

L’UE in precedenza aveva accusato la Russia di utilizzare le forniture di gas come arma contro l’Occidente per il suo sostegno all’Ucraina.

I leader dell’UE si sono uniti per chiarire che qualsiasi attacco deliberato alle infrastrutture energetiche del continente sarebbe accolto con la “risposta più forte possibile”.

La Norvegia ha dichiarato che dispiegherà le sue forze armate per proteggere le installazioni di petrolio e gas.

Nessuno dei due gasdotti sta trasportando gas al momento, sebbene entrambi contengano gas.

Il gasdotto Nord Stream 1 – che consiste in due rami paralleli – non trasporta gas da agosto, quando la Russia lo ha chiuso, dicendo che necessitava di manutenzione.

Si estende per 1.200 km (745 miglia) sotto il Mar Baltico dalla costa russa vicino a San Pietroburgo alla Germania nord-orientale. Il suo gasdotto gemello, Nord Stream 2, è stato interrotto dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina a febbraio.

I sismologi hanno segnalato esplosioni subacquee prima che emergessero le perdite. Il comando di difesa danese ha rilasciato filmati delle perdite che mostrano bolle – la più grande ha un diametro di 1 km – sulla superficie del Mar Baltico.

Andrei Kortunov del Russian International Affairs Council – un think tank con sede a Mosca – ha detto:  “Puntano sempre il dito contro la Russia, ma penso che poiché si tratta di proprietà russa non sarebbe molto logico che la Russia le infliggesse danni. Ci sono altri modi per rendere la vita più difficile agli europei. Possono semplicemente interrompere le consegne di gas senza danneggiare le infrastrutture”.
- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere