25 Set, 2022

Ultimi Articoli

Nepal. In aumento il numero di tigri, si temono sempre gli attacchi mortali dei bracconieri

AgenPress  –  La popolazione di tigri del Nepal è quasi triplicata in 12 anni, ha annunciato il primo ministro del Paese. Ma le preoccupazioni per il costo umano della guarigione del grande felino stanno crescendo dopo l’aumento degli attacchi mortali.

Da un minimo di 121 nel 2010, la popolazione nepalese di tigri del Bengala è salita a 355, secondo l’ultimo sondaggio, rivelato dal primo ministro, Sher Bahadur Deuba, in occasione della Giornata internazionale della tigre venerdì.

Gli ambientalisti hanno reso omaggio al successo del Nepal nell’aiutare il grande felino a riprendersi attraverso una repressione del bracconaggio, un’espansione dei parchi nazionali e la creazione di corridoi della fauna selvatica con la vicina India.

Il Nepal è il primo dei 13 paesi che ospitano le tigri ad aggiornare i suoi dati prima di un vertice che si terrà a Vladivostok, nella Russia orientale, a settembre per valutare gli sforzi di conservazione globale per proteggere il grande felino.

Nel 2010, i governi si sono impegnati a raddoppiare la popolazione mondiale di tigri selvatiche entro il prossimo anno cinese della tigre, che è quest’anno. I numeri hanno raggiunto il minimo storico di 3.200 nel 2010, essendo stati circa 100.000 un secolo prima .

Ma in Nepal decine di recenti attacchi di tigri contro gli esseri umani hanno portato alcuni a dire che le comunità che vivono vicino alle aree protette stanno pagando un prezzo alto per il recupero dell’animale.

Negli ultimi tre anni ci sono stati 104 attacchi di tigri all’interno di aree protette e 62 persone sono state uccise, secondo il Kathmandu Post . Le vittime venivano spesso attaccate mentre raccoglievano legna da ardere, pascolavano il bestiame o cercavano cibo nella foresta.

Shiv Raj Bhatta, direttore del programma di conservazione del WWF Nepal, ha affermato che l’aumento del numero di tigri è una buona notizia, ma ha avvertito che il paese sta entrando in una nuova fase della guarigione del grande felino in cui gli esseri umani hanno dovuto imparare a vivere insieme alle tigri.

“Ora le persone vedono e incontrano tigri ovunque, quindi i casi di conflitto tigre-umano sono in aumento. Ciò indica che la popolazione di tigri è quasi al livello massimo in Nepal. Siamo un piccolo paese. Questo aumento è una nuova sfida per il governo. Ora dobbiamo mostrare che le tigri e le persone possono coesistere”, ha detto.

La cifra di 355 tigri annunciata venerdì è vicina alla capacità stimata del Nepal fino a 400 lungo il complesso Chitwan-Parsa, un paesaggio ai piedi dell’Himalaya in India e Nepal ricco di fauna selvatica, inclusi elefanti e rinoceronti. A causa della crisi climatica, la popolazione di tigri nepalesi si sta espandendo anche più a nord, ad altitudini più elevate.

Mayukh Chatterjee, un membro del gruppo di specialisti della convivenza e del conflitto uomo-fauna selvatica della IUCN, ha affermato che i problemi associati all’aumento delle popolazioni di tigri non erano limitati al Nepal e che i governi delle zone di tigre hanno dovuto gestire con attenzione la situazione.

“Stiamo assistendo agli effetti negativi dell’aumento del numero di tigri in India e dell’aumento del conflitto con gli esseri umani. Penso che segnerà la fine delle tigri se i governi non si rimboccano le maniche e iniziano a lavorare con le comunità che vivono nelle vicinanze. Negli ultimi tre o cinque anni abbiamo assistito a un aumento molto elevato di uccisione delle tigri, intrappolamento  e linciaggio da parte delle persone. Dieci anni fa non lo avresti visto”. 

Chatterjee sta studiando le ragioni degli attacchi delle tigri agli esseri umani nei parchi nazionali dell’India che si collegano a quelli del Nepal. Ha scoperto che i casi di predatori sono rari, con la maggior parte degli incidenti causati da incontri accidentali.

“Le persone finiscono per imbattersi nelle tigri molto più spesso, quindi si verificano incontri accidentali in cui le tigri si spaventano quando stanno riposando e rispondono attaccando. I nostri dati mostrano che circa l’80% degli attacchi sono incontri accidentali in cui le tigri sono state disturbate o gli animali più giovani hanno scambiato gli esseri umani per prede. I casi di mangiatore di uomini sono circa l’1%”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere