05 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Mosca. Tribunale condanna l’ex giornalista Ivan Safronov a 22 anni di carcere per “tradimento”

AgenPress – Il tribunale della città di Mosca ha condannato Ivan Safronov, ex giornalista e consigliere del capo dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, a 22 anni di carcere, secondo un corrispondente di RIA Novosti. 

“Il tribunale esclude di condannare Safronov a una pena di 22 anni da scontare in un carcere di massima sicurezza”, ha annunciato la decisione del consiglio giudiziario. Inoltre, è stato condannato a due anni di restrizione della libertà dopo il suo rilascio e una multa di 500.000 rubli.

La difesa ha 10 giorni di tempo per impugnare questa decisione, non è ancora entrata in vigore.

Safronov è stato arrestato dal Servizio di sicurezza federale (FSB) nel luglio 2020 dopo essere stato accusato di aver raccolto dati riservati di stato sugli sviluppi militari e tecnici della Russia, nonché sulla difesa e sulla sicurezza, e di averli consegnati alla NATO.

Come giornalista, Safronov si è specializzato in reportage su argomenti militari e spaziali per i giornali Vedomosti e Kommersant prima di passare a lavorare come consigliere dell’ex capo del Roscosmos, Dmitry Rogozin.

I dettagli del caso non sono stati rilasciati ufficialmente, poiché il caso è stato gestito a porte chiuse a causa della gravità delle accuse. Gli avvocati di Safronov hanno affermato la scorsa settimana che il pubblico ministero ha offerto al giornalista una dichiarazione di colpevolezza in cambio di una riduzione della pena a 12 anni, che ha rifiutato.

Alcuni dei restanti media indipendenti russi, tra cui Meduza, Novaya Gazeta, TVRain e altri, hanno pubblicato lunedì una  dichiarazione  a sostegno di Ivan Safronov chiedendo il rilascio del giornalista e chiedendo un’indagine sulle presunte violazioni legali nel caso.

“Ci è chiaro che il motivo della persecuzione di Ivan non è il ‘tradimento’, che non è confermato da nulla, ma il suo lavoro giornalistico e i materiali che ha pubblicato senza riguardo al parere del ministero della Difesa e delle autorità russe”.

Safronov proviene da una famiglia di giornalisti investigativi. Suo padre, anche lui Ivan, era un corrispondente militare di Kommersant, morto misteriosamente in una caduta dalla finestra dell’appartamento di famiglia nel 2007. I media russi hanno riferito che stava lavorando a una storia simile sulla spedizione di caccia Su-30 e S- 300 missili antiaerei all’Iran. L’articolo è stato infine scartato.

Safronov, un giornalista devoto, ha seguito le orme di suo padre nello stesso giornale. Bekbulatova lo ha definito il giornalista “più brillante, meglio informato e più coraggioso” in termini di industria della difesa russa.

I suoi avvocati lo hanno descritto come ribelle in prigione anche dopo che il pubblico ministero ha annunciato che avrebbe chiesto 24 anni di carcere per Safronov, un “record” in questo tipo di casi di tradimento, secondo Smirnov, che è stato un “ultimo tentativo di costringerlo a confessare” .

“Il suo umore non è cambiato affatto”, ha detto Smirnov. “Crede ancora completamente nella sua innocenza e questa [potenziale] pena detentiva non lo ha affatto spezzato”.

I pubblici ministeri hanno esercitato pressioni incredibili su Safronov e il suo team legale durante le udienze. 

“Ivan ha passato i primi sei mesi in prigione molto difficili”, ha detto Smirnov. “Poi ha deciso che non avrebbe giocato nessuna partita con l’FSB, che non sarebbe stato d’accordo su nulla, e dopo aver preso quella decisione è diventato più facile per lui”.

Un avvocato della squadra di Safronov è stato incarcerato durante il caso. Smirnov è stato anche costretto a fuggire dal paese, ha detto, dopo che è stato rivelato che era indagato dal servizio di sicurezza dell’FSB.

Prima di partire, ha detto Smirnov, ha visitato Safronov per l’ultima volta in prigione. “Ci siamo abbracciati, ci siamo salutati e abbiamo detto che ci vedremo di nuovo come persone libere”.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere