28 Set, 2022

Ultimi Articoli

Mosca. Putin vuole cancellare l’identità culturale dei 3,5 mln di ucraini deportati. Mille bambini da Mariupol

AgenPress – Il 29 agosto il capo dell’Agenzia federale russa per gli affari etnici, Igor Barinov, ha parlato con Putin della creazione di “centri di adattamento” per i “migranti” che vivono in Russia.  Barinov ha affermato che, con il permesso e il sostegno di Putin, l’Agenzia federale for Ethnic Affairs sta lavorando a programmi in regioni pilota non specificate per garantire che i “migranti” in Russia conoscano e rispettino le tradizioni, i costumi e le leggi russe per impedire ai “migranti” di vivere un “isolamento sociale” in Russia.

Barinov ha affermato che esiste il rischio che le minoranze etniche in Russia formino enclavi che aggraveranno la criminalità etnica all’interno della Russia e che “i centri di adattamento”  sarebbe uno strumento efficace per mantenere la stabilità delle comunità di migranti.

Il quotidiano russo  Vot Tak  ha amplificato le dichiarazioni dell’esperto di migrazione russo Alexander Verkhovsky secondo cui tali programmi dovrebbero strutturarsi come qualcosa tra i campi profughi e i centri di formazione professionale per migranti.

 Verkhovsky ha anche osservato che oltre 3,5 milioni di sfollati ucraini sono entrati in Russia dall’inizio dell’invasione su vasta scala il 24 febbraio.

Molti ucraini sfollati in Russia non si trovano in Russia volontariamente e il governo russo ha trasferito con la forza almeno 1.000 bambini da Mariupol alla Russia.

Il trasferimento forzato di bambini da un gruppo a un altro “con l’intento di distruggere, in tutto o in parte, un gruppo nazionale, etnico, razziale o religioso   costituisce una violazione della Convenzione sulla prevenzione e la punizione del crimine di genocidio.

La creazione dei cosiddetti programmi di adattamento sociale in Russia aggiungerebbe una dimensione sociale ai quadri legali attraverso i quali Putin probabilmente cerca di assimilare culturalmente con la forza gli ucraini nella Federazione Russa. 

Putin ha firmato due decreti il ​​27 agosto in un presunto sforzo per aiutare gli apolidi e i migranti dall’Ucraina a vivere e lavorare a tempo indeterminato nella Federazione Russa con determinati pagamenti sociali assegnati a coloro che hanno lasciato l’Ucraina dopo il 18 febbraio. 

Il presidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev ha anche affermato che la Russia inizierà a lavorare su un disegno di legge a settembre per le condizioni di ingresso, uscita e soggiorno in Russia per gli stranieri.

I decreti di Putin e il disegno di legge a cui allude Medvedev dovrebbero probabilmente stabilire le condizioni affinché i migranti dall’Ucraina rimangano permanentemente in Russia, costituendo così essenzialmente la spina dorsale di una vasta campagna di trasferimento di popolazione tra Ucraina e Russia con lo scopo di russificare l’Ucraina. I programmi nei cosiddetti centri di adattamento servirebbero probabilmente come una forma di riprogrammazione culturale per cancellare l’identità culturale ucraina dagli sfollati ucraini che sono fuggiti in Russia o sono stati deportati dalle autorità russe.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere