06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Mosca. Putin concede la cittadinanza russa all’informatore statunitense Edward Snowden

- Advertisement -

AgenPress –  Edward Snowden, 39 anni, ex informatico con contratto in appalto alla National Security Agency degli Stati Uniti, vive in Russia dal 2013 per sfuggire all’accusa negli Stati Uniti dopo aver fatto trapelare file segreti che rivelavano vaste operazioni di sorveglianza interna e internazionale svolte dall’Agenzia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

 All’epoca, dopo aver trafugato e reso noto documenti riservati che spiegavano in modo dettagliato i programmi di sorveglianza del governo tramite la Nsa, era scappato a Hong Kong e da lì a Mosca.

Gli è stata concessa la residenza permanente in Russia nel 2020. All’epoca, aveva dichiarato di voler richiedere la cittadinanza russa, senza però rinunciare a quella statunitense.

Nel 2020, Snowden ha affermato che lui e la moglie allora incinta stavano facendo domanda per la cittadinanza russa per non essere separati dal loro futuro figlio in un’era di pandemie e confini chiusi. La Russia gli ha concesso i diritti di residenza permanente lo stesso anno, aprendogli la strada per ottenere la cittadinanza russa.

“Dopo anni di separazione dai nostri genitori, io e mia moglie non abbiamo alcun desiderio di separarci da nostro figlio. Ecco perché, in questa era di pandemie e confini chiusi, stiamo facendo domanda per la doppia cittadinanza statunitense-russa”, ha scritto Snowden su Twitter all’epoca.

“Lindsay ed io rimarremo americani, crescendo nostro figlio con tutti i valori dell’America che amiamo, inclusa la libertà di esprimere la sua opinione. E non vedo l’ora che arrivi il giorno in cui potrò tornare negli Stati Uniti, così l’intera famiglia potrà essere riunita. Il nostro più grande desiderio è che, ovunque nostro figlio viva, si senta a casa”.

Non c’è stata una reazione immediata da parte di Snowden, il cui nome è apparso in un elenco di 72 persone nate all’estero a cui Putin stava concedendo la cittadinanza.

Il decreto di Putin di concedere la cittadinanza a Snowden ha portato rapidamente a battute sui social media secondo cui l’informatore sarà presto arruolato nell’esercito russo per combattere in Ucraina come parte della campagna di mobilitazione nazionale del paese.

“Snowden sarà mobilitato?” ha scritto Margarita Simonyan, caporedattore dell’emittente statale RT sul suo canale Telegram.

L’avvocato russo di Snowden, Anatoly Kucherena, ha detto all’agenzia di stampa statale Ria Novosti che il suo cliente non poteva essere arruolato perché in precedenza non aveva prestato servizio nelle forze armate russe. L’avvocato ha aggiunto che anche la moglie di Snowden, Lindsay Mills, stava facendo domanda per la cittadinanza russa.

L’informatore mantiene in gran parte un basso profilo mentre vive in Russia, pubblicando occasionalmente fotografie della sua famiglia a Mosca. Ha detto nel 2019 che era disposto a tornare negli Stati Uniti se gli fosse garantito un processo equo.

Snowden, che in precedenza ha criticato la situazione dei diritti umani del Cremlino, non ha commentato in pubblico l’invasione dell’Ucraina da parte del Paese. Prima della guerra, ha ripetutamente espresso dubbi sul fatto che la Russia avrebbe iniziato una guerra, incolpando i media di “spingere” il conflitto.

“Ho appena perso la fiducia che avevo che condividere il mio pensiero su questo particolare argomento continua a essere utile perché l’ho definito sbagliato”, ha scritto Snowden su Twitter il 27 febbraio, tre giorni dopo che la Russia ha inviato le sue truppe in Ucraina.

Snowden è stato assunto dalla Central Intelligence Agency (CIA) nel 2006 e inviato a Ginevra nel 2007, dove ha lavorato come tecnico della sicurezza della rete sotto copertura diplomatica.

Ha lasciato la CIA per la NSA nel 2009, dove ha lavorato come appaltatore privato per le società Dell e Booz Allen Hamilton. Fu durante questo periodo che iniziò a raccogliere informazioni sulle attività della NSA.

Nel maggio 2013, Snowden ha richiesto un congedo medico dalla NSA ed è volato a Hong Kong. A Hong Kong, Snowden ha incontrato i giornalisti del quotidiano britannico The Guardian svelando la prima serie di rivelazioni online.  Presto seguirono rivelazioni  anche su altri giornali americani.

Nel 2013, la rivista tedesca Der Spiegel  ha riportato anche informazioni riservate di Snowden, descrivendo in dettaglio le intercettazioni della NSA su uffici e leader europei, incluso quello del telefono dell’ex cancelliera tedesca Angela Merkel.

Nel 2015, i pubblici ministeri tedeschi hanno archiviato il caso sulla presunta intercettazione del telefono della Merkel, affermando che “l’accusa non poteva essere provata in modo legalmente valido ai sensi del diritto penale”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere