09 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Mosca, pronti ad un’indagine congiunta sul Nord Stream. Svezia. “Non c’è dubbio che si trattasse di esplosioni”

- Advertisement -

AgenPress –  La Russia è pronta a considerare le richieste per un’indagine congiunta sulle cause dell’incidente al Nord Stream se arriveranno dai Paesi europei. Lo ha affermato il viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko, come riporta Ria Novosti.

“Se ci sono appelli, li prenderemo in considerazione. Per quanto ne so, non ce ne sono stati”, ha detto Grushko rispondendo a una domanda sulla possibile cooperazione della Russia con i Paesi europei nelle indagini sugli incidenti ai gasdotti Nord Stream.

“Importante colloquio telefonico con la mia collega svedese Ann Linde. I danni causati ai gasdotti Nord Stream 1e 2 sono molto preoccupanti. L’incidente dovrebbe essere oggetto di un’indagine approfondita. Non si può escludere un sabotaggio alle condutture. Gravi rischi per l’ambiente e la navigazione”,  scritto su Twitter il ministro degli Esteri finlandese Pekka Haavisto.

Il gasdotto Nord Stream 1 – che consiste in due rami paralleli – non trasporta gas da agosto, quando la Russia lo ha chiuso. Ha attribuito la chiusura alla manutenzione: l’UE ha affermato che stava cercando di armare la fornitura di gas dell’Europa.

Il Nord Stream 1 si estende per 745 miglia (1.200 km) sotto il Mar Baltico dalla costa russa vicino a San Pietroburgo alla Germania nord-orientale. Il suo gasdotto gemello, il Nord Stream 2, è stato interrotto dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina.

Un portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, si è detto “estremamente preoccupato” per le fughe di notizie, aggiungendo che non si può escludere la possibilità di un attacco deliberato.

I sismologi hanno segnalato esplosioni subacquee prima che emergessero le perdite. Il comando di difesa della Danimarca ha rilasciato filmati delle perdite che mostrano bolle – la più grande ha un diametro di 1 km (0,6 miglia) – sulla superficie del Mar Baltico.

“Non c’è dubbio che si trattasse di esplosioni”, ha affermato Bjorn Lund del National Seismology Centre svedese.

Martedì, il consigliere presidenziale ucraino Mikhaylo Podolyak ha affermato che la fuga di notizie non era “nient’altro che un attacco terroristico pianificato dalla Russia e un atto di aggressione nei confronti dell’UE”.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere