03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Mosca. Le élite odiano Putin. Perderà la guerra, è un pazzo, simile a Stalin, ricatta il mondo con il nucleare

- Advertisement -

AgenPress – Il politico russo e colonnello in pensione dell’FSB Gennady Gudkov ha parlato dell’adesione dell’Ucraina alla NATO, della possibilità di una guerra nucleare, della morte di Putin e di quanto durerà la guerra, tenendo conto dell’annunciata mobilitazione in Russia Federazione. In una intervista a Unian dice di voler “esaminare tutti i segreti dietro le quinte e dimostreremo ancora una volta che la teoria del complotto è ancora la regina delle scienze. Cominciamo con lo spettacolo principale che è stato messo in scena  al Cremlino. Putin ha annunciato un’altra annessione, questa volta di quattro regioni dell’Ucraina. Qual è l’obiettivo principale? L’Occidente non la considererà una marcia sacra della Russia per le sue terre. Sarà difficile anche per i russi vendere questa idea, sono attualmente impegnati a salvarsi dalla mobilitazione. Quali sono gli obiettivi? Puoi nominarli? E sono affatto a parte le ambizioni e alcuni stati ossessivi del presidente russo, cosa ne pensi?

Non fatevi tentare, Putin non ha così tante ambizioni e idee promettenti in questo momento. Ora si sta salvando la pelle, perché comprende perfettamente che la guerra, se non persa, sarà persa. E i primi cigni neri della sua sconfitta sono già volati via. Ha un piano sanguinario cinico pragmatico assolutamente chiaro. Crea le condizioni per futuri ricatti nucleari. Questo è quello che sta facendo ora… Questi referendum, adesioni, incantesimi solenni dal podio, accusando gli USA di genocidio di indiani e messicani, chi altro ha guidato…

Gli piace manipolare, attirare la storia. Non credo sia nemmeno necessario prestare attenzione a tutto questo. Putin è già odiato dalle sue stesse élite.

Sì, l’élite ora odia Putin. Sia regionale che di Mosca. Ma non è questo il punto. Il fatto è che c’è una distanza enorme da questo odio alla rimozione del leader.

Putin è un formalista patologico. Ha una patologia, una particolarità del carattere e dell’anima. Per ogni merda, per ogni crimine, per ogni meschinità dovrebbe esserci un pezzo di carta. A proposito, Stalin era lo stesso. Non c’è stata esecuzione, deportazione nei campi o omicidio senza un pezzo di carta. In questo senso, Putin è molto simile a lui, quindi ha bisogno di documenti formali su un “referendum”, un “voto”, una sorta di decisione. Nasnaga della Duma e del Consiglio della Federazione, che ha votato per l’annessione dei territori occupati catturati. 

Uno scherzo così velenoso è apparso sui social network: “Bene, ucraini, capite come abbiamo eletto Putin in tutti questi anni?” Dopo tutto, quali sono i risultati delle votazioni? L’affluenza è stata pazzesca, il 90-95% ha votato per unirsi alla Russia. Ecco come abbiamo queste elezioni, così è stato usurpato il nostro spazio, e come non possiamo e non possiamo uscire per un certo tempo. Perché era come camminare su un’asse.

Se qualcuno attacca improvvisamente la Russia, se crea una minaccia alla sua esistenza, una minaccia esistenziale, la Russia può usare armi nucleari. E ora questo pazzo al Cremlino ricatterà il mondo con un attacco nucleare.

Se Putin avesse potuto usare le armi nucleari impunemente ora, vi assicuro, le avrebbe usate molto tempo fa. Tutto ciò che lo trattiene ora è la paura della propria morte, che gli è stata promessa in modo assolutamente fermo e preciso dagli Stati Uniti d’America, dalla Gran Bretagna e persino dalla Cina. La Cina, ovviamente, non colpirà la Russia con attacchi nucleari, ma adotterà le misure appropriate. 

Su cosa conta Putin? Prolungando la guerra, conta sui cambiamenti che potrebbero verificarsi nella coalizione occidentale. Conta sul fatto che la pazienza del popolo ucraino, che è sotto i bombardamenti, sotto i razzi, in cui muoiono bambini, muoiono donne, muoiono solo persone, muoiono civili, muoiono soldati sui campi di battaglia, è esaurendo. E Putin spera che la pazienza, il coraggio e la resilienza dell’Ucraina non siano sufficienti. Spera che dopo tutto possano verificarsi alcuni cambiamenti, che tu e io non possiamo prevedere ora. 

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere