10 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Mosca domani annetterà le 4 regioni ucraine dopo il referendum votato sotto la minaccia delle armi

- Advertisement -

AgenPress – La Russia ha confermato che annetterà formalmente parti dell’Ucraina dove le aree occupate hanno tenuto “referendum” orchestrati dal Cremlino sulla vita sotto il governo di Mosca che il governo ucraino e l’Occidente hanno denunciato come illegali e truccati.

Il presidente russo Vladimir Putin parteciperà a una cerimonia venerdì al Cremlino quando quattro regioni dell’Ucraina saranno ufficialmente piegate in Russia, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce Dmitry Peskov.

“Domani alle 15.00 (le 14 in Italia) nel Gran Palazzo del Cremlino, nella Sala di San Giorgio, si terrà una cerimonia per firmare gli accordi sull’ingresso di tutti e 4 i nuovi territori ucraini in cui si è tenuto il referendum nella Federazione Russa. In questo evento., ha detto Peskov.

Peskov ha detto che gli amministratori pro-Mosca delle regioni firmeranno trattati per unirsi alla Russia durante la cerimonia presso la St. George’s Hall del Cremlino.

L’annessione ufficiale era ampiamente prevista in seguito alle votazioni che si sono concluse martedì nelle aree sotto l’occupazione russa in Ucraina e dopo che Mosca ha affermato che i residenti sostenevano in modo schiacciante che le loro aree diventassero formalmente parte della Russia.

Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno condannato aspramente i voti definendoli “falsi” e hanno promesso di non riconoscere mai i loro risultati. Giovedì il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock si è unito ad altri funzionari occidentali per denunciare i referendum.

“Sotto minacce e talvolta anche (sotto) la minaccia delle armi, le persone vengono portate fuori dalle loro case o dai luoghi di lavoro per votare in urne di vetro”, ha detto in una conferenza a Berlino.

“Questo è l’opposto di elezioni libere ed eque”, ha detto Baerbock. «E questo è l’opposto della pace. È la pace dettata. Finché questo diktat russo prevale nei territori occupati dell’Ucraina, nessun cittadino è al sicuro. Nessun cittadino è libero”.

Le truppe armate si sono recate porta a porta con i funzionari elettorali per raccogliere le schede elettorali in cinque giorni di votazione. I margini a favore sospettosamente alti sono stati caratterizzati come un accaparramento di terre da parte di una leadership russa sempre più messa alle strette dopo le imbarazzanti perdite militari in Ucraina.

Le amministrazioni imposte da Mosca nelle quattro regioni dell’Ucraina meridionale e orientale hanno affermato martedì sera che il 93% delle schede elettorali espresse nella regione di Zaporizhzhia ha sostenuto l’annessione, così come l’87% nella regione di Kherson, il 98% nella regione di Luhansk e il 99% a Donetsk .

Anche l’Ucraina ha respinto i referendum come illegittimi, affermando di avere tutto il diritto di riconquistare i territori, una posizione che ha ottenuto il sostegno di Washington.

Il Cremlino è rimasto impassibile dalle critiche. Dopo che una controffensiva dell’Ucraina questo mese ha affrontato le pesanti battute d’arresto sul campo di battaglia delle forze di Mosca, la Russia ha detto che avrebbe chiamato 300.000 riservisti per unirsi alla lotta. Ha anche avvertito che potrebbe ricorrere alle armi nucleari.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere