06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Mosca ammette errori nella mobilitazione parziale. Peskov: “saranno corretti”. 2.353 i manifestanti arrestati

- Advertisement -

AgenPress – Il Cremlino ha ammesso che sono stati commessi errori nella sua spinta a mobilitare i riservisti dell’esercito russo per combattere in Ucraina, in mezzo alla crescente opposizione pubblica.

“In effetti, ci sono casi in cui il decreto di mobilitazione è stato violato. In alcune regioni, i governatori stanno lavorando attivamente per correggere la situazione. Speriamo che tutti gli errori vengano corretti”, ha dichiarato ai giornalisti il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Non è stata presa alcuna decisione sulla chiusura delle frontiere russe”, ha aggiunto, mentre si fanno insistenti le voci di un blocco per impedire agli uomini russi idonei alla leva di lasciare il Paese.

Numerosi rapporti affermano che persone senza esperienza militare – o che sono troppo anziane o disabili – vengono chiamate.

Il decreto di mobilitazione della scorsa settimana ha già innescato proteste diffuse.

Il 21 settembre il presidente Putin ha annunciato quella che ha descritto come una mobilitazione parziale, con il ministro della Difesa Sergei Shoigu che in seguito ha affermato che sarebbero stati convocati 300.000 riservisti.

Tuttavia, i rapporti dei media russi dell’opposizione hanno suggerito che si potrebbe chiamare fino a un milione di persone, sottolineando che un paragrafo che si ritiene riguardi il numero esatto dei riservisti richiesti è stato omesso (classificato) nella versione pubblicata del decreto di Putin sul sito ufficiale del Cremlino.

Numerosi esperti militari in Occidente e in Ucraina affermano che la decisione di Putin di richiamare i riservisti mostra che le truppe russe stanno fallendo gravemente sul campo di battaglia in Ucraina, più di sette mesi dopo che Mosca ha lanciato la sua invasione.

Secondo il progetto mediatico indipendente sui diritti umani dedicato alla persecuzione politica in Russia, Ovd-Info, sono 2.353 i manifestanti arrestati durante le proteste contro la mobilitazione parziale dal 21 al 25 settembre. Il numero comprende sia le persone ancora detenute che quelle già rilasciate dalla polizia russa.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere