06 Ott, 2022

Ultimi Articoli

Migliaia di ebrei hanno lasciato la Russia per timori di persecuzioni. Siamo contrari all’invasione in Ucraina

AgenPress – La Russia sta affrontando la migrazione di massa all’estero di un gran numero della sua popolazione ebraica, con almeno uno su otto che ha lasciato il paese dall’inizio della guerra con l’Ucraina.

L’Agenzia Ebraica aiuta gli ebrei di tutto il mondo a trasferirsi in Israele. Dice che un sorprendente 20.500 del totale stimato di 165.000 ebrei della Russia se ne sono andati da marzo.

Altre migliaia si sono trasferite in altri paesi.

Indubbiamente lo spettro della storica persecuzione ebraica si è profilato nella mente di molti di coloro che fanno parte di questa improvvisa migrazione di massa e di coloro che ancora cercano di uscire dalla Russia.

A Mosca c’è stato un enorme sforzo per sviluppare la comunità ebraica dalla caduta del comunismo. Tra quelli in prima linea c’era Pinchas Goldschmidt, rabbino capo della città dal 1993.

“Siamo partiti da zero con sinagoghe, scuole, asili nido, servizi sociali, insegnanti, rabbini e membri della comunità”.

Ma a sole due settimane dall’inizio della guerra quest’anno, il rabbino Goldschmidt e la sua famiglia hanno lasciato la Russia, prima in Ungheria e poi in Israele. Poi si è dimesso dalla sua posizione e ha parlato contro la guerra.

“Sentivo che dovevo fare qualcosa per mostrare la mia totale dissociazione e disaccordo con questa invasione dell’Ucraina, ma mi sarei messo in pericolo se l’avessi fatto rimanendo a Mosca”.

Molti hanno colto l’opportunità di andare in Israele, dove la Legge del Ritorno dà diritto alla cittadinanza a chiunque possa dimostrare di avere almeno un nonno ebreo.

“Ho riflettuto a lungo sul motivo per cui c’è tanta fretta di partire perché non stiamo assistendo a un’enorme ondata di antisemitismo”, afferma Anna Shternshis, professoressa di studi yiddish all’Università di Toronto e specialista in storia ebraica in Russia.

“Ma poi vedo che ogni volta che succede qualcosa in Russia, qualche sconvolgimento, qualche cambiamento, gli ebrei sono sempre in pericolo”.

Descrive come gli eventi storici russi abbiano portato alla violenza contro gli ebrei, come la rivoluzione, la crisi economica della fine del XIX secolo e la seconda guerra mondiale.

“Non tutti agiscono di conseguenza, ma ogni ebreo in Russia oggi ci sta pensando”.

La professoressa Shternshis, lei stessa è nata e cresciuta in Russia. Dice di essere particolarmente costernata dal modo in cui gli ebrei sentono, ancora una volta nella storia del mondo, che per quanto si siano impegnati a costruire una vita da qualche parte, può essere improvvisamente portato via.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere