29 Set, 2022

Ultimi Articoli

L’Unione Europea propone di sospendere 7,5 mld di euro all’Ungheria. Gentiloni, difendiamo Stato diritto e bilancio Ue

AgenPress – L’esecutivo dell’Unione europea ha raccomandato domenica al blocco di sospendere circa 7,5 miliardi di euro (dollari) di finanziamenti all’Ungheria per le preoccupazioni per la flessione democratica e la possibile cattiva gestione del denaro dell’UE.

La Commissione europea, che propone le leggi del blocco e ne assicura il rispetto, ha affermato di agire “per garantire la protezione del bilancio dell’UE e degli interessi finanziari dell’UE contro le violazioni dei principi dello stato di diritto in Ungheria”.

Il commissario al Bilancio dell’UE Johannes Hahn ha affermato che, nonostante le misure proposte dall’Ungheria per affrontare le carenze, la commissione raccomanda la sospensione dei fondi “per un importo stimato di 7,5 miliardi di euro”.

Il denaro proverrebbe dai “fondi di coesione” concessi all’Ungheria. Questa busta di denaro, una delle fette più grandi del bilancio del blocco, aiuta i paesi a portare le loro economie e infrastrutture agli standard dell’UE.

I paesi dell’UE versano nel bilancio circa l’1% del loro reddito nazionale lordo. L’Ungheria dovrebbe ricevere almeno 50 miliardi di euro in tutto dal bilancio 2021-27, secondo le stime della commissione.

Qualsiasi azione di sospensione dei fondi deve essere approvata dai paesi membri dell’UE, e ciò richiede una “maggioranza qualificata”, che ammonta al 55% dei 27 membri che rappresentano almeno il 65% della popolazione totale dell’UE.

Hanno un mese per decidere se congelare i fondi dell’Ungheria, ma in circostanze eccezionali possono estendere tale periodo a due mesi. La commissione raccomanda ai paesi membri di prendere tempo fino al 19 novembre per concedere all’Ungheria più tempo per affrontare le preoccupazioni.

La commissione ha accusato per quasi un decennio il primo ministro ungherese Viktor Orban di smantellare le istituzioni democratiche, assumere il controllo dei media e violare i diritti delle minoranze. Orban, in carica dal 2010, smentisce le accuse.

Parlando dopo una riunione dei commissari dell’UE a Bruxelles, che ha approvato all’unanimità la mossa, Hahn ha accolto con favore l’offerta dell’Ungheria di risolvere il problema, affermando che l’azione correttiva proposta va “nella giusta direzione”.

Ha affermato che le misure potrebbero affrontare alcune delle preoccupazioni della commissione se verranno seguite e agite adeguatamente. Ma ha affermato che “permane un rischio per il bilancio in questa fase, quindi non possiamo concludere che il bilancio dell’UE sia sufficientemente protetto”.

I timori della commissione si concentrano sugli appalti pubblici: acquisti da parte dello Stato di beni e servizi o per l’esecuzione di progetti utilizzando fondi dell’UE. I critici affermano che l’assegnazione di tali contratti ha consentito al governo di Orban di incanalare ingenti somme di denaro dell’UE nelle attività di addetti ai lavori politicamente collegati.

Un alto funzionario dell’UE ha indicato “irregolarità sistematiche e sistemiche, carenze e debolezze negli appalti pubblici legate a tassi molto elevati di offerte singole”. I funzionari stimano che circa la metà delle gare d’appalto pubbliche ungheresi vengono concesse dopo procedure a singolo offerente.

La commissione ha anche “serie preoccupazioni per quanto riguarda l’individuazione, la prevenzione e la correzione dei conflitti di interesse”, nonché per una serie di fondi di interesse pubblico che gestiscono fondi significativi, in particolare nel settore dell’istruzione.

“Oggi la Commissione Europea ha proposto di sospendere una parte dei Fondi di coesione per l’Ungheria. Difendiamo i valori dello stato di diritto e proteggiamo il bilancio comune europeo. Le autorità ungheresi sono chiamate a rispondere con misure correttive concrete”,  ha scritto su Twitter il commissario per l’Economia Paolo Gentiloni.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere