05 Feb, 2023

Ultimi Articoli

L’Ucraina bombarda la base russa di Makiivka. 400 russi uccisi , 300 feriti

- Advertisement -

AgenPress – L’Ucraina afferma di aver ucciso circa 400 soldati russi in un attacco missilistico nella regione occupata di Donetsk.

Il missile ha colpito un edificio nella città di Makiivka, dove si pensava fossero di stanza le forze russe.

Le autorità filo-russe hanno riconosciuto le vittime, ma non hanno confermato le cifre riportate.

A Kiev, domenica notte sono stati effettuati raid aerei, mentre continuava l’ultima ondata di attacchi con droni e missili dalla Russia.

Daniil Bezsonov, un alto funzionario sostenuto dalla Russia nelle zone occupate di Donetsk, ha detto che il missile ha colpito Makiivka due minuti dopo la mezzanotte del giorno di Capodanno.

“Un duro colpo è stato inferto alla scuola professionale dall’American MLRS Himars”, ha detto, riferendosi ai missili forniti dagli Stati Uniti.

“Ci sono stati morti e feriti, il numero esatto è ancora sconosciuto”, ha aggiunto Bezsonov in un post sull’app di messaggistica Telegram.

Un certo numero di commentatori e blogger russi ha riconosciuto l’attacco, ma ha suggerito che i numeri fossero inferiori a quelli dichiarati.

Vladimir Solovyov, un presentatore russo, ha scritto su Telegram “le perdite sono state significative… ma nemmeno vicine” a 400.

Secondo l’esercito ucraino, 300 persone sono rimaste ferite oltre alle circa 400 uccise.

L’amministrazione voluta dalla Russia ha affermato che almeno 25 razzi sono stati lanciati contro la regione durante la notte di Capodanno.

Ore dopo il bombardamento a Makiivka, Kiev è stata presa di mira. Un attacco di droni e missili ha preso di mira infrastrutture critiche, ha detto il governatore regionale della capitale ucraina Oleksiy Kuleba.

Un uomo a Kiev è stato ferito dai detriti di un drone russo distrutto, ha aggiunto il sindaco della capitale.

L’esercito di Kiev ha emesso un avviso sugli ultimi attacchi subito dopo l’01:00 (23:00 GMT) di lunedì.

“Attacco aereo su Kiev… l’allerta aerea è attiva nella capitale”, ha annunciato su Telegram. Serhiy Popko, capo dell’amministrazione militare della città, ha detto alla gente di rimanere nei rifugi.

Kuleba, il governatore regionale, ha affermato che le armi erano droni Shahed di fabbricazione iraniana, aggiungendo che stavano “prendendo di mira infrastrutture critiche”.

“La cosa principale ora è mantenere la calma e rimanere nei rifugi fino a quando l’allarme non sarà disattivato”.

La Russia ha preso di mira le infrastrutture energetiche dell’Ucraina per diversi mesi, distruggendo centrali elettriche e facendo precipitare milioni di persone nell’oscurità durante il gelido inverno del paese.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere