08 Feb, 2023

Ultimi Articoli

L’Iran impicca altri due manifestanti. Erano stati sottoposti a torture per estorcere la confessione

- Advertisement -

AgenPress – Due uomini sono stati impiccati  per aver presumibilmente ucciso un membro dell’esercito durante le proteste a livello nazionale.

Mohammad Mahdi Karami e Seyed Mohammad Hosseini sono stati giudicati colpevoli di “corruzione” per il loro presunto coinvolgimento nella morte di un ufficiale paramilitare.

I gruppi per i diritti umani hanno denunciato quello che hanno descritto come un processo “farsa”.

La famiglia del signor Karami, 22 anni, afferma che non gli è stato permesso di incontrarlo prima che venisse ucciso.

I pubblici ministeri hanno affermato che l’ufficiale paramilitare Ruhollah Ajamian è stato denudato e ucciso da un gruppo di persone in lutto che rendevano omaggio a un manifestante ucciso di recente.

Le proteste contro l’establishment clericale iraniano sono scoppiate a settembre in seguito alla morte in custodia di una donna che era stata arrestata dalla polizia morale per aver presumibilmente indossato il suo hijab, o velo, “in modo improprio”.

Almeno 516 manifestanti sono stati uccisi finora, tra cui 70 bambini, e altri 19.262 arrestati, secondo l’agenzia di stampa per gli attivisti per i diritti umani (HRANA) con sede all’estero. Ha anche riportato la morte di 68 membri del personale di sicurezza.

Molti di coloro che sono stati arrestati dopo le proteste sarebbero stati oggetto di sparizione forzata, detenzione in isolamento, tortura e altri maltrattamenti.

Gli uomini sono stati condannati a morte per la prima volta nel dicembre 2022, ma hanno fatto appello contro le loro condanne dopo aver affermato di essere stati torturati per rendere false confessioni.

Gli avvocati che rappresentano Hosseini hanno detto che è stato picchiato e bendato mentre era in prigione.

“È stato colpito con il taser e picchiato sulla pianta dei piedi con un’asta di metallo”, ha detto Ali Sharifzadeh Ardakani. La Corte suprema iraniana ha confermato la sentenza il 3 gennaio.

Prima della sua morte, l’avvocato del signor Karami ha detto che era in sciopero della fame poiché gli era stato negato il diritto di scegliere il proprio avvocato per i procedimenti legali. Invece si è affidato ad avvocati nominati dallo stato.

Amnesty International ha descritto il processo come un “processo di gruppo iniquo accelerato” e ha affermato che le autorità iraniane chiedono la pena di morte per almeno altre 26 persone.

Altri tre uomini sono stati condannati a morte nello stesso caso e altri 11 sono stati condannati a pene detentive.

Le ultime impiccagioni portano a quattro il numero delle persone giustiziate in Iran da dicembre.

A dicembre, il 23enne Majidreza Rahnavard è stato impiccato pubblicamente a una gru per aver presumibilmente ucciso due membri delle forze di sicurezza con un coltello e ferito altri quattro e un altro 23enne, Mohsen Shekari, è stato ucciso per aver bloccato una strada e ferendo un membro delle forze Basij iraniane con un coltello.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere