01 Feb, 2023

Ultimi Articoli

La Serbia schiera le sue truppe al confine con il Kosovo in “stato di combattimento”

- Advertisement -

AgenPress – La Serbia ha posto le sue truppe di sicurezza al confine con il Kosovo in “stato di combattimento”, ignorando gli appelli della NATO per calmare le tensioni tra i due nemici balcanici in tempo di guerra.

Il ministro dell’Interno serbo Bratislav Gasic ha affermato di aver “ordinato la piena prontezza al combattimento” della polizia e di altre unità di sicurezza e che siano poste sotto il comando del capo di stato maggiore dell’esercito secondo “il loro piano operativo”.

Ha dichiarato in una dichiarazione di aver agito su ordine del presidente serbo Aleksandar Vucic in modo che “tutte le misure siano prese per proteggere il popolo serbo in Kosovo”.

Non è stato immediatamente chiaro cosa significasse questo ordine sul campo poiché le truppe serbe sono state in allerta per un po’ al confine con il Kosovo. I funzionari rivendicano presunte molestie nei confronti dei serbi del Kosovo da parte di etnia albanese che sono la maggioranza nella provincia separatista che ha dichiarato la propria indipendenza nel 2008.

Lunedì scorso, le forze di pace guidate dalla NATO hanno dichiarato che stavano indagando su una sparatoria in una tesa regione settentrionale del Kosovo, sollecitando la calma mentre i massimi ufficiali militari della Serbia ispezionavano le loro truppe al confine in una dimostrazione di prontezza al combattimento.

L’incidente di domenica sera è avvenuto a Zubin Potok, una città in cui i serbi locali hanno presidiato le barricate stradali nelle ultime due settimane e dove le tensioni sono aumentate.

Le forze di pace, conosciute come KFOR, hanno detto che l’incidente è avvenuto vicino a una delle loro pattuglie, coinvolgendo persone sconosciute. Una dichiarazione afferma che nessuno è rimasto ferito e “stiamo lavorando per stabilire tutti i fatti”.

Il ministro della difesa della Serbia e il capo di stato maggiore dell’esercito si sono recati al confine con il Kosovo, lodando la prontezza al combattimento delle truppe serbe e la loro potenza di fuoco, compresi gli obici e altro materiale militare. La Serbia, che è stata armata grazie alle donazioni russe e agli acquisti militari, ha a lungo agitato le sciabole e minacciato la forza contro la sua ex provincia.

Il Kosovo rimane un potenziale focolaio nei Balcani anni dopo la guerra del 1998-99 che si concluse con l’intervento della NATO. La Serbia non riconosce la dichiarazione di indipendenza della sua ex provincia del 2008, mentre finora gli sforzi occidentali per mediare una soluzione sono falliti.

“È importante che tutti i soggetti coinvolti evitino qualsiasi retorica o azione che possa causare tensioni e aggravare la situazione”, ha affermato la KFOR in una nota. “Ci aspettiamo che tutti gli attori si astengano da dimostrazioni di forza provocatorie e cerchino la soluzione migliore per garantire la sicurezza e l’incolumità di tutte le comunità”.

I timori di violenze sono aumentati vertiginosamente dall’inizio della guerra della Russia in Ucraina. Gli Stati Uniti e la maggior parte dei paesi dell’Unione Europea hanno riconosciuto l’indipendenza del Kosovo, mentre la Serbia ha fatto affidamento su Russia e Cina nel suo tentativo di mantenere la rivendicazione sulla provincia.

Le crescenti tensioni coinvolgono diverse questioni tra gli sforzi internazionali per intensificare gli sforzi di mediazione. Più di recente, i serbi etnici nel nord hanno istituito posti di blocco per protestare contro l’arresto di un ex poliziotto serbo.

I serbi del nord in precedenza erano usciti dalle istituzioni del Kosovo, sostenendo vessazioni da parte delle autorità kosovare. Belgrado ha ripetutamente avvertito che avrebbe protetto i serbi locali “con tutti i mezzi” se fossero stati attaccati.

Il governo del Kosovo ha chiesto alle truppe della NATO – schierate nel 1999 dopo che l’alleanza transatlantica aveva bombardato la Serbia affinché lasciasse il Kosovo – di rimuovere i blocchi stradali serbi. Il primo ministro Albin Kurti, il comandante della KFOR, il maggiore generale Angelo Michele Ristuccia, e Lars-Gunnar Wigermark, a capo di una missione di legge e ordine dell’UE, si sono incontrati lunedì per discutere la situazione, ha dichiarato la KFOR su Twitter.

L’ufficio di Kurti ha affermato che “la conclusione comune di questo incontro è che la libertà di movimento dovrebbe essere ripristinata e che non dovrebbero esserci barricate su nessuna strada”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere