06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

La Russia pone il veto alla risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu che condanna l’annessione

AgenPress – La delegazione russa al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha esercitato il suo diritto di membro permanente e ha posto il veto a una risoluzione che condannava gli pseudo-referendum del Cremlino in Ucraina e invitava a non riconoscere alcun cambiamento ai confini ucraini.
- Advertisement -

La votazione si è svolta venerdì durante la riunione del Consiglio di sicurezza.

La Cina si è astenuta insieme a Brasile, India e Gabon. Dieci i voti a favore della mozione, presentata da Usa e Albania.

“Il risultato della votazione sulla bozza di risoluzione è il seguente: dieci paesi sono favorevoli, uno contrario, quattro astenuti. La bozza di risoluzione non è stata adottata a causa del voto “contro” di un membro permanente del Consiglio”, ha rimarcato il capo del Consiglio di sicurezza dell’Onu, ambasciatore di Francia all’Onu, ambasciatore Nicolas de Riviere.

Il testo della delibera non è stato reso pubblico. Tuttavia, in un discorso prima del voto, la Rappresentante Permanente degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, l’Ambasciatrice Linda Thomas-Greenfield, ne ha spiegato il significato:

“Gli Stati Uniti, insieme all’Albania, hanno proposto una risoluzione che condanna i cosiddetti “referendum” illegali tenuti in territorio ucraino. La risoluzione è chiara. Invita tutti i membri delle organizzazioni a non riconoscere alcun cambiamento nello status dell’Ucraina e chiede anche alla Russia di ritirare immediatamente le sue truppe dall’Ucraina”, ha affermato il rappresentante americano.

La risoluzione avrebbe denunciato “l’organizzazione di cosiddetti referendum illegali da parte della Russia nelle regioni all’interno dei confini internazionalmente riconosciuti dell’Ucraina” e dichiarato che i referendum “non hanno validità”.

La risoluzione avrebbe anche invitato la Russia a “ritirare immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue forze militari dal territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere