30 Set, 2022

Ultimi Articoli

La Russia blocca il documento finale di non proliferazione delle armi nucleari. “Testo mancava di equilibrio”

AgenPress – La Russia  ha bloccato l’accordo sul documento finale di una revisione di quattro settimane del trattato delle Nazioni Unite considerato la pietra angolare del disarmo nucleare che ha criticato la sua acquisizione militare della più grande centrale nucleare d’Europa subito dopo che le truppe russe hanno invaso l’Ucraina, un atto che ha sollevato i timori di un disastro nucleare.

Igor Vishnevetsky, vicedirettore del Dipartimento per la non proliferazione e il controllo degli armamenti del ministero degli Esteri russo, ha dichiarato alla riunione finale ritardata della conferenza di revisione del Trattato di non proliferazione nucleare di 50 anni che “purtroppo non c’è consenso su questo documento”. Ha insistito sul fatto che molti paesi, non solo la Russia, non erano d’accordo con “tutta una serie di questioni” nell’ultima bozza di 36 pagine.

Il rappresentante della Russia, Igor Vishnevetsky, ha affermato che la bozza del testo finale mancava di “equilibrio”.

“La nostra delegazione ha un’obiezione chiave su alcuni paragrafi che sono palesemente di natura politica”, ha affermato, aggiungendo che anche altri paesi non sono d’accordo con il testo.

Il documento finale necessitava dell’approvazione di tutti i paesi partecipanti alla conferenza. Un certo numero di paesi, inclusi Paesi Bassi e Cina , hanno espresso delusione per il fatto che non sia stato raggiunto un consenso.

Gli olandesi si sono detti “soddisfatti delle utili discussioni”, ma “molto delusi dal fatto che non abbiamo raggiunto un consenso”.

L’ambasciatore cinese, nel frattempo, ha affermato che, nonostante la mancanza di accordo, il processo è “un’importante pratica di sicurezza comune e di autentico multilateralismo”.

L’ambasciatore argentino Gustavo Zlauvinen, presidente della conferenza, ha affermato che la bozza finale rappresenta i suoi migliori sforzi per affrontare le opinioni divergenti e le aspettative delle parti “per un risultato progressivo” in un momento storico in cui “il nostro mondo è sempre più sconvolto da conflitti e , cosa più allarmante, la prospettiva sempre crescente dell’impensabile guerra nucleare”.

Il Trattato di non proliferazione, sostenuto da 190 paesi nel 1970, impegna i paesi che hanno aderito – inclusi Stati Uniti, Russia, Francia, Regno Unito e Cina – a ridurre le loro scorte e impedisce ad altri di acquisire armi nucleari.

La conferenza di revisione del TNP dovrebbe tenersi ogni cinque anni, ma è stata ritardata a causa della pandemia di COVID-19. Ciò ha segnato il secondo fallimento dei suoi 191 stati parti nel produrre un documento finale. L’ultima conferenza di revisione del 2015 si è conclusa senza un accordo a causa di gravi divergenze sull’istituzione di una zona mediorientale priva di armi di distruzione di massa.

La bozza esprimeva anche “grave preoccupazione” per la sicurezza degli impianti nucleari ucraini, in particolare Zaporizhzia, e sottolineava “l’importanza fondamentale di garantire il controllo da parte delle autorità competenti dell’Ucraina”.

L’esercito russo ha preso il controllo della centrale, la più grande centrale nucleare d’Europa, all’inizio di marzo, ma è ancora gestita da personale ucraino in condizioni difficili.

L’agenzia di vigilanza nucleare delle Nazioni Unite, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), dovrebbe organizzare nei prossimi giorni un viaggio all’impianto di Zaporizhzhia per ispezionare gli impianti. 

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere