07 Ott, 2022

Ultimi Articoli

La Regina Elisabetta e i suoi cani corgi. Un amore nato nel 1933. Chi si occuperà di loro?

AgenPress – Per molte persone in tutto il mondo, la parola corgi è per sempre legata alla regina Elisabetta II.

La principessa Diana una volta li definì un “tappeto mobile” sempre al fianco di sua suocera. Piccoli cani tozzi e soffici con una corteccia acuta, i corgi erano i compagni costanti della defunta regina sin da quando era bambina. Ne ha possedute quasi 30 per tutta la vita e hanno goduto di una vita di privilegi degna di un animale domestico reale.

La morte di Elizabeth la scorsa settimana ha sollevato preoccupazioni pubbliche su chi si prenderà cura dei suoi amati cani. Alcuni ipotizzano che verranno mandati a vivere con altri membri della famiglia reale, mentre altri affermano che questo compito potrebbe essere affidato al personale del palazzo.

“Una delle cose intriganti che la gente si chiede al funerale è se un corgi sarà presente”, ha detto Robert Lacey, storico reale e autore di “Majesty: Elizabeth II and the House of Windsor”. “I migliori amici della regina erano corgi, queste bestie irascibili e dalle gambe corte con un guaito che non piace a molte persone in Gran Bretagna, ma era assolutamente cruciale per la regina.

L’amore di Elisabetta per i corgi iniziò nel 1933 quando suo padre, re Giorgio VI, portò a casa un corgi gallese Pembroke che chiamarono Dookie. Le immagini di una giovane Elizabeth che porta a spasso il cane fuori dalla loro sontuosa casa londinese sarebbero state le prime tra tante a venire nel corso dei decenni.

Quando aveva 18 anni ne fu data un’altra e la chiamò Susan, la prima di una lunga serie di corgi a venire. Più tardi ci furono i dorgi, un incrocio tra bassotto e corgi, di proprietà della regina. Alla fine vennero per accompagnarla in apparizioni pubbliche e divennero parte della sua persona.

Durante i 70 anni di Elisabetta sul trono, i corgi sono stati al suo fianco, accompagnandola nei tour ufficiali, dormendo nella loro stanza a Buckingham Palace con il cambio quotidiano delle lenzuola e, occasionalmente, mordendo le caviglie dello strano visitatore o membro della famiglia reale.

Tre di loro sono persino apparse accanto alla regina mentre saliva sull’elicottero in attesa di James Bond nel video parodia che ha aperto le Olimpiadi estive del 2012 a Londra.

L’autrice britannica Penny Junor ha documentato le loro vite esuberanti in una biografia del 2018 “All the Queen’s Corgis”.

Scrive che Elisabetta camminava e dava da mangiare ai cani, scelse i loro nomi e quando morirono li seppellì con targhe individuali. La cura dei corgi era ricaduta in gran parte sulla fidata sarta e assistente della regina Angela Kelly e sul suo paggio Paul Whybrew.

I corgi erano presenti anche quando la regina accolse i visitatori del palazzo, inclusi illustri statisti e funzionari. Quando la conversazione si placava, Elizabeth rivolgeva spesso la sua attenzione ai suoi cani per riempire il silenzio.

“Era anche preoccupata per quello che sarebbe successo ai suoi cani quando non c’era più”, ha scritto Junor, sottolineando che alcuni membri della famiglia reale non condividevano la sua predilezione per i corgi.

Dopo la morte del suo corgi Willow nel 2018, è stato riferito che la regina non avrebbe avuto più cani.

Ma le cose sono cambiate durante la malattia del suo defunto marito, il principe Filippo, morto nel 2021 all’età di 99 anni. Si è rivolta ancora una volta ai suoi amati corgi per conforto. In quello che sarebbe stato il centesimo compleanno di Filippo l’anno scorso, alla regina sarebbe stato regalato un altro cane.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere