10 Dic, 2022

Ultimi Articoli

La disperata fuga di migliaia di russi dalla mobilitazione parziale di Putin. “La guerra è terribile”

- Advertisement -

AgenPress – Per tutti coloro che se ne vanno, il motivo è lo stesso: evitare di essere arruolati nella brutale guerra di Putin alla vicina Ucraina. Ma le circostanze che circondano le loro decisioni – e le difficoltà di lasciare la casa – sono profondamente personali per ciascuno.

Per Ivan, un uomo che ha detto di essere un ufficiale nelle riserve russe e che giovedì ha lasciato il suo Paese per la Bielorussia, la motivazione era chiara: “Non sostengo quello che sta succedendo, quindi ho deciso che dovevo partire subito”. 

“Sentivo che le porte si stavano chiudendo e se non me ne fossi andato subito, potrei non essere in grado di partire più tardi”, ha detto Ivan, aggiungendo che stava pensando a un caro amico a casa con due bambini piccoli che, a differenza di lui, era incapace di fare le valigie e partire.

Alexey, un 29enne arrivato in Georgia dalla Russia in autobus giovedì, ha detto alla Galileus Web che la decisione è dovuta in parte alle sue radici.

L’annuncio di Putin di mobilitazione parziale ha scatenato una fuga, migliaia hanno cercato  di capire come ottenere posti nei veicoli diretti ai confini, con alcuni che discutono persino di andare in bicicletta.

Lunghe file di traffico si sono formate ai valichi di frontiera terrestri in diversi paesi, secondo le riprese video. Le immagini sui siti web dei media kazaki sembravano mostrare veicoli in retromarcia vicino al confine tra Russia e Kazakistan. In uno, pubblicato dal media kazako Tengri News, si può sentire una persona dire che il loro veicolo è rimasto “fermo da 10 ore” nella regione russa di Saratov, mentre cercano di raggiungere il Kazakistan.

“Auto infinite. Tutti corrono. Tutti sono in fuga dalla Russia”, si sente dire la persona nel video.

Venerdì, nella sala arrivi dell’aeroporto di Istanbul, lo studente diciottenne Daniel ha raccontato alla Galileus Web i suoi piani per aspettare in Turchia. Venerdì è volato in Turchia per quella che doveva essere una vacanza prenotata, ma dall’annuncio della mobilitazione ha dovuto fare i conti con una nuova vita nel Paese.

“Siamo giovani, possiamo imparare e costruirci una nuova vita. Vogliamo essere utili. Per ora è vacanza e aspetta”, ha detto riguardo ai suoi piani con la sua ragazza. “Dato che sono uno studente, tecnicamente non sono mobilitato, ma può cambiare. E sappiamo che il nostro governo ci mente. Siamo solo carne per loro”, ha detto Daniel.

L’ingegnere del software Roman ha detto alla CNN di aver acquistato frettolosamente il suo biglietto per la Turchia pochi minuti dopo il discorso di mobilitazione di Putin. Conta di andare in Portogallo, dove gli è stato concesso un visto.

“La guerra è terribile. Sono fortemente contrario a questa guerra. Tutti quelli che conosco sono contrari. I miei amici, la mia famiglia, nessuno vuole questa guerra. Solo la politica vuole questa guerra”, ha detto, aggiungendo che sua moglie è dovuta rimanere in Russia perché non ha un visto portoghese.

“L’unico piano è sopravvivere. Ho solo paura”, ha aggiunto. Un altro cittadino russo, ha descritto la guerra come inutile e crudele, “non avrebbe mai dovuto iniziare in primo luogo. E mi dispiace per gli ucraini, sono solidale con loro”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere