30 Gen, 2023

Ultimi Articoli

Kenya. 22 milioni di cittadini alle urne. La sfida è tra Raila Odinga e William Ruto

- Advertisement -

AgenPress – Sono 22,1 milioni i cittadini che possono recarsi alle urne, per eleggere il presidente della Repubblica, parlamentari e rappresentanti delle 47 contee. Fin da almeno un’ora prima, fuori dai seggi si sono formate lunghe code, senza particolari problemi di ordine pubblico, dopo la tormentata giornata di ieri con una sezione data alle fiamme nella cittadina di Mandera e un veicolo che trasportava schede assaltato a nord di Nairobi.

Secondo i media locali, gli elettori in tutto il paese hanno iniziato a fare la fila già alle 2 del mattino ora locale in alcune località.
Gli analisti affermano che la corsa è serrata e nessuno dei candidati in testa ha un voto significativamente più alto dell’altro. Se nessun candidato ottiene più del 50% dei voti, le elezioni andranno al ballottaggio per la prima volta nella storia del Kenya.
Raila Odinga, leader dell’opposizione dato per favorito, il suo rivale, il vicepresidente William Ruto, è stato tra i primi a presentarsi al seggio. 
Odinga è un uomo d’affari e politico che ha servito come primo ministro del Kenya per cinque anni dopo le contestate elezioni presidenziali del dicembre 2007 che hanno provocato proteste e violenze diffuse, provocando la morte di oltre 1.000 persone.
Odinga fa parte della dinastia politica del Kenya; suo padre Jaramogi Oginga Odinga è stato il primo vicepresidente del Kenya indipendente.
Ha conseguito un master in ingegneria meccanica nella Germania dell’Est nel 1970 ed è stato docente una tantum presso l’Università di Nairobi dopo i suoi studi all’estero.
Sta partecipando al sondaggio per la quinta e ultima volta, dice dopo aver fallito nei suoi quattro tentativi precedenti.

I kenioti sperano in un voto pacifico. Le elezioni possono essere eccezionalmente travagliate, come nel 2007 quando il paese è esploso dopo che Odinga ha affermato che il voto gli era stato rubato e più di 1.000 persone sono state uccise. 

Una disputa che ha portato a settimane di violenze che hanno portato alla morte di circa 1.200 persone e costretto circa 600.000 persone a fuggire dalle loro case

Ruto è stato incriminato dalla Corte penale internazionale per crimini contro l’umanità per il suo ruolo nella violenza, ma il suo caso è stato archiviato tra accuse di manomissione di testimoni.

Nel 2017, l’Alta corte ha ribaltato i risultati delle elezioni, la prima in Africa, dopo che Odinga li ha contestati per irregolarità. Ha poi boicottato il nuovo voto e si è autoproclamato “presidente del popolo”, portando accuse di tradimento. 

Ruto e Odinga hanno detto che accetteranno i risultati ufficiali, se il voto sarà libero ed equo. “È la speranza di ogni keniota”, ha detto il presidente ai giornalisti dopo il voto.

L’aumento dei prezzi di cibo e carburante, il debito al 67% del PIL, la disoccupazione giovanile al 40% e la corruzione significano che le questioni economiche sono al centro di un’elezione in cui la spesa elettorale non regolamentata ha messo in luce la disuguaglianza del Paese. 
- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere