03 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Joe Biden dice di voler infliggere un duro colpo a Putin, ma le merci russe continuano ad arrivare negli Usa

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente Joe Biden ha promesso di “infliggere dolore” e infliggere “un duro colpo” a Vladimir Putin attraverso le restrizioni commerciali su materie prime come vodka, diamanti e benzina sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina sei mesi fa. Ma centinaia di altri tipi di merci non autorizzate per un valore di miliardi di dollari, comprese quelle trovate sulla nave diretta a Baltimora da San Pietroburgo, in Russia, continuano ad affluire nei porti statunitensi.

L’Associated Press ha scoperto che più di 3.600 spedizioni di legno, metalli, gomma e altre merci sono arrivate nei porti statunitensi dalla Russia da quando ha iniziato a lanciare missili e attacchi aerei nel suo vicino a febbraio. Si tratta di un calo significativo rispetto allo stesso periodo del 2021, quando sono arrivate circa 6.000 spedizioni, ma si tratta comunque di un fatturato di oltre 1 miliardo di dollari al mese.

L’amministrazione Biden e l’UE hanno pubblicato elenchi separati di società russe che non possono ricevere esportazioni, ma almeno una di queste società – che fornisce all’esercito russo metallo per fabbricare aerei da combattimento che attualmente sganciano bombe in Ucraina – sta ancora vendendo milioni di dollari di metallo a ditte americane ed europee.

La Russia è un esportatore chiave di metalli come alluminio, acciaio e titanio; l’interruzione di tale commercio potrebbe far aumentare drasticamente i prezzi per gli americani già alle prese con l’inflazione, ha affermato l’economista di Morgan Stanley Jacob Nell.

Mentre alcuni importatori statunitensi stanno acquistando materiali alternativi altrove, altri affermano di non avere scelta. Nel caso delle importazioni di legno, le fitte foreste di betulle della Russia creano legname così duro e resistente che la maggior parte dei mobili americani in legno per le aule scolastiche e gran parte dei pavimenti delle case ne sono fatti. Contenitori di spedizione di articoli russi – semole, scarpe da sollevamento pesi, attrezzatura per il mining di criptovalute e persino cuscini – arrivano nei porti degli Stati Uniti quasi ogni giorno.

Un’analisi delle merci importate dalla Russia mostra che alcuni articoli sono chiaramente legali e persino incoraggiati dall’amministrazione Biden, come le oltre 100 spedizioni di fertilizzanti arrivate dall’invasione. Prodotti ora vietati come petrolio e gas russo hanno continuato ad arrivare nei porti degli Stati Uniti molto tempo dopo l’annuncio delle sanzioni dovute a periodi di “rilassamento”, consentendo alle aziende di completare i contratti esistenti.

La Russia e gli Stati Uniti non sono mai stati importanti partner commerciali, quindi sanzionare le importazioni è solo una piccola parte della strategia di ritorsione. Le restrizioni alle esportazioni dagli Stati Uniti – di tecnologia in particolare – causano maggiori danni all’economia russa e le sanzioni alla Banca centrale russa hanno congelato l’accesso della Russia a circa 600 miliardi di dollari di riserve valutarie detenute negli Stati Uniti e in Europa.

Tuttavia, le sanzioni hanno un peso simbolico al di là del danno finanziario che potrebbero infliggere, in particolare per i consumatori americani inorriditi dalla guerra.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere