09 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Iran. Studentessa “picchiata a morte per essersi rifiutata di cantare” l’inno pro-regime

- Advertisement -

AgenPress – Un’altra studentessa è stata uccisa dai servizi di sicurezza iraniani dopo essere stata picchiata nella sua classe per essersi rifiutata di cantare una canzone pro-regime quando la sua scuola è stata perquisita la scorsa settimana, scatenando ulteriori proteste in tutto il paese questo fine settimana.

Secondo il Consiglio di coordinamento delle associazioni di categoria degli insegnanti iraniani , la sedicenne Asra Panahi è morta dopo che le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nel liceo femminile Shahed ad Ardabil il 13 ottobre e hanno chiesto a un gruppo di ragazze di cantare un inno che lodava il leader supremo dell’Iran , l’Ayatollah Ali Khamenei.

Quando si sono rifiutati, le forze di sicurezza hanno picchiato gli alunni, portando alcune ragazze in ospedale e altre arrestate. Venerdì, secondo quanto riferito, Panahi è morto in ospedale per le ferite riportate nella scuola.

Funzionari iraniani hanno negato che le sue forze di sicurezza fossero responsabili e, dopo che la sua morte ha suscitato indignazione in tutto il paese, un uomo identificato come suo zio è apparso sui canali della TV di stato affermando che era morta per una condizione cardiaca congenita.

Le studentesse sono emerse come una forza potente dopo che i video sono diventati virali di classi di alunni che sventolavano l’hijab in aria, tiravano giù le foto dei leader supremi iraniani e gridavano slogan anti-regime a sostegno di Mahsa Amini , la donna di 22 anni morta dopo essere stata arrestata dalla polizia morale iraniana per non aver indossato correttamente l’hijab ad agosto.

Le autorità iraniane hanno risposto lanciando una serie di incursioni nelle scuole di tutto il paese la scorsa settimana, con segnalazioni di agenti che si sono introdotti con la forza nelle aule, arrestando violentemente le studentesse e spingendole nelle auto in attesa e sparando gas lacrimogeni negli edifici scolastici.

In una dichiarazione pubblicata domenica, il sindacato iraniano degli insegnanti ha condannato i raid “brutali e disumani” e ha chiesto le dimissioni del ministro dell’Istruzione, Yousef Nouri.

 

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere