01 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Iran. Sono 100 giorni che gli attivisti protestano contro Ali Khamenei. “E’ come Franco, Stalin e Mussolini”

- Advertisement -

AgenPress – Cento giorni dopo il loro inizio, le più lunghe proteste antigovernative in Iran dalla rivoluzione islamica del 1979 hanno scosso il regime, ma a caro prezzo per il popolo.

Più di 500 manifestanti, tra cui 69 bambini, sono stati uccisi, secondo l’agenzia di stampa degli attivisti per i diritti umani (HRANA). Due manifestanti sono stati giustiziati e almeno altri 26 affrontano la stessa sorte, dopo quelli che Amnesty International chiama “processi farsa”.

Sebbene manifestazioni a livello nazionale abbiano già travolto l’Iran – una volta nel 2017 fino all’inizio del 2018 e un’altra nel novembre 2019 – le proteste attuali sono uniche, poiché coinvolgono persone di tutta la società e le donne stanno assumendo un ruolo di primo piano con lo slogan “Donna, vita, Libertà”.

Alcune celebrità iraniane hanno adottato misure irrevocabili per sostenere le proteste, portando al loro arresto o all’esilio.

Taraneh Alidoosti, nota attrice iraniana, è detenuta nella famigerata prigione di Evin dopo aver condannato l’esecuzione di un giovane manifestante. In precedenza, aveva pubblicato una sua foto senza velo obbligatorio, con in mano un cartello con lo slogan dei manifestanti.

“Ho lavorato con Taraneh in quattro film e ora è in prigione per il suo legittimo sostegno ai suoi connazionali e la sua opposizione alle sentenze ingiuste che vengono emesse”, ha scritto Asghar Farhadi, che ha diretto Alidoosti nel suo film premio Oscar The Salesman. su Instagram.

“Se mostrare tale sostegno è un crimine, allora decine di milioni di persone di questa terra sono criminali”, ha aggiunto Farhadi.

Un’altra importante attrice iraniana che ha lasciato il paese, Pegah Ahangarani. “Entrambe le parti si sono radicalizzate, il regime nella sua repressione e le persone nell’industria cinematografica nella loro risposta.

“L’Iran non può tornare all’era pre-Mahsa Amini”, riferendosi alla donna curda iraniana la cui morte il 16 settembre scorso, sotto la custodia della polizia morale iraniana, ha scatenato le proteste.

Hamid Farrokhnezhad, un altro noto attore iraniano, si è trasferito negli Stati Uniti all’inizio di questo mese e ha immediatamente definito il leader supremo iraniano Ali Khamenei un “dittatore”, paragonandolo a Franco, Stalin e Mussolini.

Finora, due uomini sono stati giustiziati dopo essere stati condannati per accuse di sicurezza nazionale vagamente definite legate alle proteste, in quelli che i gruppi per i diritti umani hanno condannato come gravi errori giudiziari.

Molti di quelli nel braccio della morte hanno affermato di essere stati torturati.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere