06 Dic, 2022

Ultimi Articoli

Iran. Raisi reprime le proteste con il sangue. Tra i morti anche 4 bambini. Limitato accesso ad Internet

- Advertisement -

AgenPress – Il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha promesso di agire “con durezza” contro i manifestanti dopo più di una settimana di manifestazioni antigovernative.

Migliaia di iraniani sono scesi in piazza in segno di protesta dopo la morte la scorsa settimana della 22enne Mahsa Amini, che è stata arrestata a Teheran e portata in un “centro di rieducazione”, apparentemente per non aver indossato correttamente l’hijab.

Da venerdì si sono svolte manifestazioni in almeno 40 città a livello nazionale, compresa la capitale Teheran, con i manifestanti che chiedono la fine della violenza e della discriminazione contro le donne, nonché la fine dell’uso obbligatorio dell’hijab.

Decine di manifestanti sarebbero stati uccisi nei conseguenti scontri con le forze di sicurezza.

Almeno quattro bambini sono rimasti uccisi, lo ha reso noto Amnesty International.  Complessivamente secondo Teheran, sono 35 le persone morte dopo una settimane di proteste, mentre Ong e fonti dell’opposizione parlano già da ieri di almeno 50 morti, con centinaia di feriti e centinaia di arresti, inclusi giornalisti, studenti e attivisti politici.

Le autorità iraniane affermano che limiteranno l’accesso a Internet nel paese fino a quando non sarà ristabilita la calma nelle strade, poiché le proteste  sconvolgono la Repubblica islamica.

Le autorità sperano che limitando Internet possano controllare le proteste, l’ultima di un’ondata che ha colpito l’Iran negli ultimi anni. Hanno iniziato con il movimento dei Verdi nel 2009 per i risultati elettorali contestati e, più recentemente, le proteste del 2019 innescate dall’aumento dei prezzi del carburante. Si ritiene che centinaia di persone siano state uccise nella violenta repressione di tre anni fa e migliaia siano state ferite, secondo le stime diffuse dalle Nazioni Unite e da gruppi per i diritti umani.

Ma le proteste di quest’anno sono diverse: per portata, portata e natura femminista senza precedenti. C’è anche una mobilitazione attraverso il divario socio-economico. Una giovane generazione di iraniani si sta ribellando per le strade contro decenni di repressione, probabilmente più audace che mai.

Le manifestazioni si sono estese a dozzine di città iraniane, dalla regione curda nel nord-ovest, alla capitale Teheran e anche a città più tradizionalmente conservatrici come Mashhad.

Le persone in tutto il paese invocano la “morte al dittatore”, in riferimento al Leader Supremo, abbattendo i ritratti dell’Ayatollah Ali Khamenei . Immagini notevoli sono emerse venerdì sera dalla città natale di Khamenei, nella città di Mashhad, dove i manifestanti hanno appiccato il fuoco alla statua di un uomo considerato uno dei simboli della Rivoluzione islamica. Scene del genere erano impensabili in passato.

La morte di Amini è ora diventata un simbolo della violenta oppressione che le donne hanno affrontato in Iran per decenni e il suo nome si è diffuso in tutto il mondo, con i leader mondiali che l’hanno invocata anche all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York City questa settimana.

Giovedì l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha affermato che gli esperti delle Nazioni Unite hanno condannato fermamente l’uso della violenza fisica contro le donne in Iran da parte delle autorità statali.

“Le autorità iraniane hanno affermato che (Amini) è morta per un attacco di cuore e hanno affermato che la sua morte era dovuta a cause naturali. Tuttavia, alcuni rapporti suggerivano che la morte di Amini fosse il risultato di presunte torture e maltrattamenti”, si legge in una nota.

“Chiediamo alle autorità iraniane di condurre un’indagine indipendente, imparziale e tempestiva sulla morte della signora Amini, rendere pubbliche le conclusioni dell’indagine e ritenere responsabili tutti gli autori”.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere