08 Feb, 2023

Ultimi Articoli

Iran. Proteste davanti il carcere di Rajaeishahr contro l’impiccagione in pubblico di due manifestanti

- Advertisement -

AgenPress – Un gran numero di persone e le famiglie di Mohammad Ghobadlou e Mohammad Boroughani si sono radunate questa mattina presto davanti alla prigione di Rajaeishahr nella città di Karaj, dopo notizie della probabile esecuzione dei due giovani manifestanti condannati a morte per aver preso parte alle proteste in corso in Iran. In un video pubblicato online, le persone gridano “ogni manifestante che viene ucciso, migliaia lo sostituiranno” e “la nostra patria non sarà salvata, a meno che i mullah non muoiano”. Nei video si sentono rumori di spari da parte della polizia.

I due manifestanti sono stati portati in isolamento la scorsa notte per essere giustiziati in pubblico oggi. Masoumeh Ahmadi, la madre del 22enne Ghobadlou, viene vista nei video sui social media durante il raduno. Grida: “Mio figlio è accusato infondatamente di aver ucciso un agente di polizia durante le proteste. Questo mentre ci sono documenti secondo cui l’ufficiale di polizia è stato ucciso in un altro luogo e mio figlio è innocente”. Boroughani, 19 anni, è stato accusato di avere un coltello durante le proteste e di aver dato fuoco all’ufficio del governatore di Pakdasht, vicino a Teheran. È stato privato della scelta di un avvocato.

- Advertisement -

Latest Posts

Non perdere