25 Set, 2022

Ultimi Articoli

Iran. Ondata di condanne a morte. Impiccate tre donne per aver ucciso i mariti, una era stata sposa bambina

AgenPress – Tre donne sono state giustiziate  per aver ucciso i rispettivi mariti, una delle quali era stata costretta a sposarsi all’età di 15 anni: lo denuncia l’organizzazione umanitaria Iran Human Rights Group, che parla di ben 32 esecuzioni avvenute nella Repubblica islamica nella sola scorsa settimana.

La donna ex sposa-bambina, fa sapere l’ong, si chiamava Soheila Abad, era sposata da 10 anni ed è stata impiccata in carcere. L’organizzazione per i diritti umani denuncia anche come molte di questi casi di donne che uccidono i mariti siano reazioni a violenze domestiche quotidiane, che però vengono ignorate dai tribunali, che derubricano il movente a “dispute familiari”.

Secondo il gruppo, l’Iran nasconde le vere cifre sull’applicazione della pena di morte e, citando due altre organizzazioni per i diritti umani, afferma che lo scorso anno solo il 16,5% delle esecuzioni è stato reso pubblico.

Le autorità iraniane hanno intrapreso una serie di esecuzioni, uccidendo almeno 251 persone tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2022, secondo una ricerca dell’Abdorrahman Boroumand Center for Human Rights in Iran e di Amnesty International. Le organizzazioni hanno avvertito che se le esecuzioni continueranno a questo ritmo orribile, supereranno presto il totale di 314 esecuzioni registrate per l’intero 2021.

La maggior parte (146) delle persone giustiziate nel 2022 era stata condannata per omicidio, a causa di schemi di esecuzioni ben documentati che venivano sistematicamente eseguiti a seguito di processi gravemente iniqui. Almeno altri 86 sono stati giustiziati per reati legati alla droga che, secondo il diritto internazionale, non dovrebbero incorrere nella pena di morte. Il 23 luglio, le autorità hanno giustiziato in pubblico un uomo nella provincia di Fars, dopo due anni di sospensione delle esecuzioni pubbliche durante la pandemia.

“Durante i primi sei mesi del 2022, le autorità iraniane hanno giustiziato in media almeno una persona al giorno. La macchina statale sta compiendo omicidi su vasta scala in tutto il paese in un odioso assalto al diritto alla vita. Lo sbalorditivo bilancio delle esecuzioni in Iran per la prima metà di quest’anno ha echi agghiaccianti del 2015, quando c’è stato un altro picco scioccante “, ha affermato Diana Eltahawy, vicedirettrice regionale per il Medio Oriente e il Nord Africa di Amnesty International.

Latest Posts

spot_imgspot_img

Non perdere